Banner Top
Banner Top

La scrittrice vastese Amelia Di Corso premiata a Giallocarta 2020 con il libro “Orto verticale”

Domenica 25 ottobre, si è svolta la cerimonia di premiazione della 16a edizione di Giallocarta “Nel nome di Pina Vallesi”, dell’Associazione Cartacanta, negli ultimi anni articolato in Festival (con i suoi numerosi laboratori per gli appassionati, gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, presentazioni di autori e libri, cinema, teatro), in cui sono stati premiati i vincitori di GialloCarta 2020VINCENZO CIPRIANIAMELIA DI CORSO e MARIO VENTRELLI.

Il secondo classificato è l’autrice, scrittrice e regista abruzzese Amelia Di Corso, da Vasto (CH), con il racconto “Orto verticale”. Classe 1991. Si forma presso l’Accademia Internazionale di Arte DrammaticaTeatro Quirino V. Gassman e la Q-Academy del Teatro QuirineBa, in seguito a studi di Cinema e Televisione. Nel 2015 fonda la sua compagnia Teatro L’Avvelenata. Successivamente studia Drammaturgia e Sceneggiatura presso la Federazione Unitaria Italiana ScriBori di Roma. Suo testo d’esordio è Pastore da lei stessa direBo e interpretato, che nel Festival Internazionale Theatragon 2016 arriva in finalissima per migliore interpretazione e gradimento del pubblico e si aggiudica il premio come Miglior

Autore. Scrive e dirige per la sua compagnia lo spettacolo “Sachertorte”, che viene selezionato tra i finalisti del premio Scintille 2016, portando lo spettacolo – come corto teatrale – per quattro date a Milano e Asti. La sua compagnia entra a far parte del volume Lazio Creativo 2018 contenente i migliori progetti di giovani eccellenze under 35 della Regione Lazio; e con questo progetto, vince la residenza Emergenze Romane e viene scelta tramite bando per la stagione teatrale 2017/18 del Teatro Trastevere di Roma, a cui segue anche una tournée in Abruzzo e in Puglia. Il testo “Sachertorte” arriva in seguito in finale nella VI ed. del premio Teatro, Musica e Shoah e in finale al premio Antonio Conti – Concorso di scrittura drammaturgica 2020, la cui giuria è presieduta da Lucia Calamaro. Scrive inoltre una riduzione cinematografica del testo “Sachertorte”; con questa sceneggiatura realizza in collaborazione con Patroclo Film un cortometraggio, firmato da Leopoldo Medugno, ora in concorso a numerosi Festival nazionali e internazionali: Nomination come Best Film al Barcelona Planet Film Festival, semifinalista al Los Angeles Cinefest, First Selection al Moving Pictures Festival del Belgio, Selezione Ufficiale al Roma Cinema DOC, al San Mauro International Film Festival, e al Queen City Cinephiles del North Carolina. Vince del premio Miglior Film allo UK Monthly Film Fes:val in Gran Bretagna e il premio di Distinzione al Canada Shorts Film Festival. Dal 2018 è associata al team di sceneggiatori AĒ, col quale lavora a sceneggiature di cortometraggi, lungometraggi e spot pubblicitari.

Giallocarta è un’organizzazione che è riuscita a migliorarsi ed innovarsi di edizione in edizione e che oggi riceve un nuovo impulso e responsabilità. Oltre mille ore di attività per le  Sezioni Junior e Pulcino Giallo del premio letterario nazionale, laboratori di scrittura creativa, letture per superare le paure, laboratori dei mastri cartai fabrianesi, l’arte dei mille riusi della carta, laboratori di marionette di cartapesta e libro d’artista, piccoli brividi, fotografia, disegno, fumetto, burattini e origami.

 
Giallocarta è anche presentazioni di libri e autori, giornalisti, intellettuali ed editori che hanno accompagnato dal 2004 le giornate Giallocarta, con Pina Vallesi, Tecla Dozio e tutti i volontari ed i collaboratori compresi i tanti autori di fama nazionale.

Per rispettare la tradizione, in questa occasione è stato l’attore toscano Michele Neri a trasportare il pubblico, con le sue letture e drammatizzazioni, in un’atmosfera horror/fantastica con i racconti di H. P. Lovecraft in un gustoso intermezzo allo Spazio Multimediale San Francesco tra l’introduzione di Enrico Lattanzi, fondatore insieme a Pina Vallesi di Giallocarta, il saluto dei coorganizzatori e la premiazione.

Francesco Tranquilli, membro della giuria, dopo aver illustrato le motivazioni per le scelte effettuate, ha incaricato Silvia Luciani, in rappresentanza della Biblioteca Comunale Zavatti di premiare VINCENZO CIPRIANI, giunto a Civitanova Marche da Trento, classificatosi primo con il racconto “Rosa”. Vincenzo Cipriani. Nato a Firenze (Castelfiorentino) nel 1967, Cipriani è ingegnere elettronico e ha due master di specializzazione. Vive e lavora a Trento, dove si occupa di progettazione e sviluppo di servizi nell’ambito delle reti di telecomunicazione. Si interessa di Agenda Digitale Europea e Italiana, ed è appassionato di letteratura, ciclismo, corsa e nuoto. «Sono molto soddisfatto del Premio GialloCarta ricevuto a Civitanova Marche ed è un grande stimolo per continuare.– Commenta felice Vincenzo Cipriani – Ringrazio CartaCanta, tutto lo staff ed Enrico Lattanzi per la bellissima accoglienza. Mi sono sentito a casa».

Il secondo classificato è  Amelia Di Corso, da Vasto (CH), con il racconto “Orto verticale”. Il terzo classificato Mario Ventrelli, da Lucca, con “Pulpedelic”.


Gli studenti del Polo Liceale che da quest’anno compongono la Giuria “Da Vinci” Giovani, hanno assegnato la Menzione Speciale al racconto “Il colore del legno” di Daniele Fontani, da Capolona (AR), con la seguente motivazione: «“Il colore del legno” è uno di quei gialli che lascia credere di sapere già tutto dalle prime righe, ma che poi spiazza con l’inaspettato finale. Dall’inizio alla fine tiene il lettore incollato alle pagine con il ritmo della scrittura dove prevalgono paratassi e discorso diretto e i capitoli sono scanditi dal succedersi dei giorni che precedono la “morte” del protagonista, con la quale si apre il racconto. Un raccontare agile, nonostante le tematiche affrontate siano serie e complesse: la corruzione, la mafia, l’assenza di comunicazione tra padre-figlio, moglie-marito, il cinismo delle relazioni affettive. La trama è un incastro perfetto come un puzzle i cui pezzi combaciano perfettamente. Anche l’idea di rendere il protagonista vittima/colpevole è molto interessante perché spezza lo schema tradizionale della divisione in buoni/cattivi e spinge a parteggiare per lui. Il finale, circolare rispetto all’inizio, tiene con il fiato sospeso fino a sciogliere la tensione in un sorriso liberatorio. Il cattivo ha vinto sui cattivi e noi siamo lì con lui a dire che è vero: il colore del legno di quella bara è l’unica cosa che non ci è piaciuta di questa storia!»


I ragazzi dei licei, con immensa soddisfazione degli organizzatori, hanno portato avanti con le docenti Maria Grazia Baiocco e Lorella Quintabà l’unico laboratorio (lettura critica e giuria popolare) che si è potuto svolgere in questo 2020, leggendo i sei racconti finalisti scelti dalla Giuria Tecnica presieduta dalla scrittrice Elisabetta Bucciarelli. Saranno pubblicati anche il quinto e sesto classificato: “Le streghe” di Deanna Morlupi, da Forlì, e “Villa Aegea” di Tiziano Mancini, Urbino.

In rappresentanza del main sponsor Banco Marchigiano, il dottor Celaschi ha consegnato la targa alla  presidente Miriam Caserta e alle coordinatrici a Maria Grazia Baiocco ed a Lorella Quintabà della “Giuria Da Vinci Giovani”, composta da 17 studentesse e studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Leonardo Da Vinci”delle classi  4A Liceo Classico (Anastasia Maggini, Giorgia Pagliariccio, Luna Gigli, Alesia Bardhi, Irene Montevidoni, Giacomo Santarelli, Davide Mancini, Maria Allegrezza, Chiara Monachesi, Luca Mercoldi) e 4E Liceo Linguistico (Noemi Centonze, Gloria Lazri, Nicole Logiudice, Agnese Lombardi, Lucia Papiri e Rachele Rinaldelli)

L’antologia “i sei migliori colpi” edita per  i Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche, con i vincitori Adulti, Junior e Pulcino Giallo del 2019, è stata distribuita gratuitamente ai presenti e sarà disponibile, ad esaurimento, presso la Biblioteca Comunale Zavatti e il Centro Giovanile Casette che assieme all’Associazione Pina Vallesi ed alla Associazione Nuova Cartacanta dall’anno prossimo organizzeranno il Concorso e le relative attività, sempre con il patrocinio del Comune di Civitanova Marche e del Consiglio Regionale delle Marche.

ORTO VERTICALE di AMELIA DI CORSO

Alcune note dell’autrice, scrittrice e regista di Chieti, classificatisi seconda a Giallocarta 2020, sul suo giallo “ORTO VERTICALE

Con la quarantena non ho più scuse: è ora di metter su il mio orto verticale. Il pallet di legno nell’angolo del terrazzino mi fissa da mesi, si chiede come mai da portare pile di scatole ai supermercati sia finito qui a non far niente. I primi passi sono facili, la cartavetrata per togliere le schegge, poi due mani d’impregnate, che tanto con sto sole s’asciuga subito. Da un paio di balconi svolazzano lenzuola con incerti arcobaleni disegnati e le scritte #iorestoacasa #andràtuttobene. Chissà se ci credono davvero. Se appendessi un lenzuolo io, i miei dirimpettai leggerebbero #momaccjd #venitmàpijà #mancanosololelocuste.”

Durante il lockdown, tra le tante difficoltà che il mondo stava affrontando, mi colpì la notizia che i crimini fossero nettamente diminuiti. Tutti, tranne quelli domestici. Caspita, ho pensato, io che catapulterei dal quinto piano il mio ragazzo perché lascia immotivatamente la scatola delle uova nel frigorifero pure se è vuota, e che nella testa mi perdo in colorite arringhe per convincere un giudice immaginario su quanto sia valida la mia tesi – tutto per sfogarmi sola ed evitare di litigare con lui – cosa penserei o farei se i problemi fossero realmente gravi? E’ con un peso sul petto che nasce Orto Verticale. Ironia e grottesco si mescolano per dar voce allo strambo flusso di coscienza di una donna. Lei è per me simbolo di tutte quelle persone che, nella vita e ancor più in quarantena, sono state costrette a vivere accanto a qualcuno che maschera la violenza con qualcosa che non si può certo chiamare amore. La cosa raccapricciante è che ogni cosa che subisce la protagonista è tratta da testimonianze, trovate durante lo studio per scrivere questo racconto, di storie realmente accadute.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.