Banner Top
Banner Top

Camionista annegato, vane le ricerche di un suo congiunto

E’ stato affidato al medico legale Pietro Falco l’esame autoptico sul camionista ucraino di 41 anni annegato sabato sera a San Salvo. Ma  la perizia non potrà essere effettuata prima dei risultati del tampone  e del riconoscimento. Non prima dunque di 3 o 4 giorni.

Risultano intanto vane le ricerche di un congiunto della vittima. L’uomo lavorava per un’azienda di Kiev che si occupa di logistica e che ha rapporti commerciali con la Fiat di Torino. Qualora non fosse possibile nei prossimi giorni rintracciare un parente, forse a Torino potrebbe esserci qualcuno che riconosce la salma dello sfortunato camionista.

A San Salvo c’è anche il tir dell’uomo che alla fine delle indagini dovrà essere riconsegnato.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.