Banner Top
Banner Top

Vasto, il Pd è spaccato: lascia anche Giangiacomo

Perde un altro pezzo il Comitato dei reggenti nominato lo scorso mese di maggio per traghettare il partito democratico fino al congresso che inizialmente era stato programmato per il mese di settembre, ma  di cui finora non si conosce la data. Dopo  Angelo Pollutri – uscito nei mesi scorsi dal Pd sbattendo la porta – a lasciare è Fabio Giangiacomo che insieme a Simone Lembo, Nicolino Della Gatta, Anna Bosco e  Sabato Giuliano aveva avuto l’incarico di occuparsi del partito in questa delicata e turbolenta fase politica e fino alla nomina del nuovo segretario.

Ufficialmente Giangiacomo ha motivato la sua decisione con impegni personali e professionali, ma negli ambienti politici non si fa mistero delle divergenze in atto nel Pd dove in tanti sono dell’avviso che questo periodo di transizione si stia allungando più del dovuto, ravvisando la necessità di arrivare quanto prima al congresso cittadino.

Prima dell’uscita di Giangiacomo era stato Pollutri (ex sindaco di Cupello e oggi consigliere comunale di minoranza) a lasciare il Comitato reggente a distanza di qualche giorno dalla nomina da parte del segretario regionale Michele Fina. Pollutri non si era limitato a manifestare la propria indisponibilità a far parte del gruppo dei reggenti, ma dopo qualche settimana aveva deciso di autosospendersi  dal Pd che aveva contribuito a fondare nel 2007, non senza lesinare critiche all’indirizzo di un partito che a suo dire “attraversa una crisi di identità di ideologie, senza rispetto del passato e senza identità del futuro”.

Oggi Pollutri sta contribuendo, insieme ad Angelo Bucciarelli, alla costituzione di un polo civico che sarà presente alle elezioni amministrative del 2021 e che conta di candidare una donna alla massima carica cittadina. Insomma, le acque sono alquanto agitate nel Pd rimasto senza segretario lo scorso mese di febbraio, cioè da quando Luciano Lapenna si dimise “per favorire il ricambio generazionale”. L’ex sindaco ed ex presidente dell’Anci Abruzzo, lasciò l’incarico che aveva assunto il 21 ottobre 2017 con la speranza di una sua veloce sostituzione. Invece sono passati sette mesi e del congresso cittadino, ufficialmente rinviato a causa del Covid-19,  non c’è alcuna traccia.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.