Banner Top
Banner Top

Umberto De Filippis  impiegò due mesi a piedi per raggiungere San Salvo. E’ stato vicino al generale tedesco  Rommel (la volpe del deserto)  

 

 

Umberto De Filippis  non è più tra noi  da diversi anni. Era chiamato Umburtùcce. Salvanese verace,  cominciò quasi subito a lavorare  come  apprendista muratore, sotto la guida attenta dei capomastri Paolo Malatesta e  Antonio Del Villano.  Scoppiò all’improvviso  la guerra mondiale e a soli 18 anni fu costretto a partire  per il fronte slavo. Incontrò  un altro battaglione di soldati italiani, tra i quali riconobbe due suoi compaesani: Rodolfo Granata e Antonio Mariotti.

Lasciò immediatamente il “gruppo” e  corse ad abbracciarli. Si salutarono con le lacrime agli occhi. Intanto Mussolini prese la risoluzione di occupare alcune regioni  africane.  Umberto, purtroppo,  fu  costretto a lasciare il fronte slavo. Il 15 settembre 1941, era già a bordo della Vulcania, che salpò dal porto di Taranto per dirigersi a Tripoli.

Il caldo era insopportabile (52 gradi all’ombra); mancava completamente l’acqua. Umberto ebbe in dotazione  un obice di 45 calibri. Gli capitò spesso di vedere il generale Rommel passeggiare e parlare concitatamente con gli ufficiali.  A “El Alamein”  l’8^ Armata britannica travolse le divisioni italo-tedesche che furono costrette alla resa. Umberto, dopo aver percorso centinaia di chilometri a piedi, raggiunse Castelvetrano (Sicilia), ma la bufera della guerra non era passata.

Fu  inviato a S. Maria Capua Vetere, poi a Firenze, Banne e Asiago.  Umberto  decise di abbandonare ogni cosa e tentare la via del ritorno. Raggiunse  Padova e, per non essere arrestato, s’incamminò verso il litorale adriatico. Peregrinò  per circa mesi. Dopo aver percorso a piedi quasi tutta la “Statale adriatica” con la barba lunga, i piedi insanguinati e i vestiti logori, arrivò nei pressi di Punta Penna. S’incamminò verso Vasto, e appena raggiunse  la chiesa di San Michele, per poco non venne fatto prigioniero da un gruppo di soldati tedeschi. Tagliò verso Cupello e poi raggiunse San Salvo.

Si inginocchiò  e pregò San Vitale. Finalmente potè riabbracciare la moglie, che aveva sposato tramite procura. Finita la guerra tornò a fare il lavoro del muratore. Partì per la Francia, insieme alla moglie, ma tornò presto  a San Salvo  per  riprendere il  lavoro di muratore.  Il sogno di potere restare a lavorare nel suo paese natale si avverò. Finalmente  Umburtùcce  ritrovò quella pace interiore, che solo un ambiente familiare sereno può dare.

  • umbertoDe Filippis
  • Umbertucce

FOTO: Umberto De Filippis l’ultimo a destra

 

Michele Molino

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.