Banner Top
Banner Top

I volontari della Protezione civile di Casalbordino impegnati nelle attività di bonifica a L’Aquila

Per limitare i continui incendi, proseguono le operazioni di bonifica dei siti di monte Omo e monte Pettino Aq, sui quali si è lavorato per tutto il giorno di ieri. I punti sensibili sono stati presidiati anche questa notte e la sala operativa è stata attivata ad orario continuato.

Nella giornata di ieri, durante un incontro tra il responsabile della protezione civile regionale Silvio Liberatore, il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, l’assessore alle Opere pubbliche Vittorio Fabrizi, i rappresentanti della Facoltà di Ingegneria dell’Università dell’Aquila e della Gran Sasso Acqua, è stata eseguita una prima analisi delle aree colpite dagli incendi e si è discusso delle eventuali conseguenze legate all’assetto idrogeologico delle stesse.

Monte Pettino ” la rocchetta” Zona Cantatessa.La Protezione civile di Casalbordino con i volontari:Tommaso Bucciarelli, Mario Scaccia e Simonetti Maria   insieme ai volontari di Carsoli, Pivec e Modavi, hanno partecipato  all’attività di bonifica dopo 1 ora di cammino coordinati dai Vvf e Esercito,  con turno dalle 14.00 alle 20.00.Le operazioni  sono monitorate in continuazione e vengono portate avanti dalla Regione Abruzzo,  con il coordinamento del Dipartimento della Protezione Civile regionale Silvio Liberatore.

Enzo Dossi

  • Foto 1
  • Foto 2
  • Foto 3
  • Foto 4
  • Foto 5
  • Foto 6
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.