Banner Top
Banner Top

Molti abruzzesi non hanno ancora ricevuto la CIG, i Cobas sollecitano la Regione Abruzzo

Molti gli abruzzesi che ad oggi non hanno ancora ricevuti la cassa integrazione. Domenico Ranieri, di Cobas Abruzzo ha inviato una missiva con la quale sollecita la Regione Abruzzo e l’assessore Fioretti ad intervenire quanto prima. “In riferimento alle promesse fatte dal Presidente dell’INPS Pasquale Tridico – scrive Ranieri – che entro il 12 giugno 2020 tutti i lavoratori in CIGO, CIG, FIS, sarebbero stati liquidati, a tutt’oggi, molti lavoratori abruzzesi non hanno ricevuto un nulla di che e considerata la gravità di cui versano diverse famiglie, come O.S. Cobas Abruzzo (Pescara, Chieti e Teramo), la settimana scorsa  abbiamo inviato una lettera di  sollecitato al Presidente della Regione Marsilio e all’Ass.re Fioretti, per chiedere di anticipare di  almeno due mensilità, in quanto parte responsabile del ritardo della richiesta”.
“Nonostante ciò – continua Ranieri –, trascorsa una settimana dall’invio della Pec, quantomeno ci aspettavamo un tavolo di confronto per  questa ennesima emergenza che vede molte famiglie in estrema difficoltà, non abbiamo ricevuto nessuna risposta su una tematica alquanto delicata.
Questa la richiesta inviata.
La scrivente OS attraverso i suoi terminali di fabbrica ed a seguito di numerose segnalazioni di lavoratori in cassa integrazione ha avuto notizie piuttosto sconfortanti circa i versamenti per la CIG dovuta per marzo, aprile e maggio.
Soprattutto alla data della presente risulta che migliaia di lavoratori non hanno percepito a far data dall’inizio della chiusura forzata delle attività, nessuna somma dovuta secondo le norme varate dal Governo.
Si riscontra che la Regione Abruzzo sia una delle poche regioni a non  aver adempiuto a tale obbligo. Molti lavoratori infatti hanno ricevuti anticipi o parti di somme dovute grazie all’impegno delle aziende in cui lavorano o ricorrendo ad anticipi del TRF maturato.
Ciò però non è possibile nelle aziende piccole e medio-piccole, numerose nella nostra regione, che quindi lasciano i relativi lavoratori senza alcuna risorsa economica avendo essere strutturalmente bassi flussi di liquidità.
Ciò, va da sé, è ragione di forte imbarazzo e generale tensione tra molti lavoratori.
La scrivente OS, nel rimarcare che la Regione Abruzzo è a tutt’oggi una delle poche regioni che non ha adempiuto ai suoi doveri istituzionali, chiede che entro una settimana vengano liquidati almeno due tranche di CIG dovuti.
La scrivente OS ammonisce la Regione a dar seguito a tale adempimento onde scongiurare eventuali agitazioni e scioperi.
I lavoratoti Abruzzesi hanno mostrato spesso senso di responsabilità ma in una situazione di emergenza la pazienza può avere un limite, passato il quale si può arrivare anche a reazioni incontrollate.
Cobas – Confederazione dei Comitati di Base Abruzzo
Pescara – Chieti – Teramo

Per Cobas Abruzzo, Domenico Ranieri

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.