Banner Top
Banner Top

Provvedimenti sulle tasse, le misure dei Comuni

Riduzione del 50% della tassa per l’occupazione di suolo pubblico (Tosap) a Vasto, diminuzione delle imposte comunali a San Salvo, sospensione del pagamento del canone di occupazione delle aree pubbliche a Monteodorisio (Cosap) e  sconti sulla Tari a Cupello. I comuni vanno in soccorso delle attività commerciali e di ristorazione rimaste chiuse durante l’emergenza sanitaria da coronavirus e varano pacchetti di proposte per sostenere la categoria in questo difficile momento.

Faremo tutto quello che la legge ci consentirà di fare, augurandomi che lo Stato conceda delle ulteriori sovvenzioni”, spiega il sindaco di Vasto, Francesco Menna, “stiamo predisponendo una delibera che prevede la riduzione del 50% della tassa per l’occupazione di suolo pubblico e decurtazioni dell’imposta per chi non ha spazi sufficienti. Mi preme però precisare che le tariffe da noi sono già basse”.

Si chiama “Ripartiamo insieme” il piano che il comune di San Salvo ha messo a punto per sostenere la ripartenza delle attività dopo la pesante battuta d’arresto provocata dalla pandemia da Covid-19. Prevede la riduzione delle imposte di competenza comunale  per il periodo di chiusura secondo le autorizzazioni che saranno attivate dalla legge nazionale, azzeramento della Tosap  per le attività di bar, ristoranti, pub e pizzerie, relativamente al periodo di chiusura, concessione a titolo gratuito di altro spazio pubblico per collocare i tavolini all’aperto visto l’obbligo della loro riduzione per il distanziamento sociale, differimento dei pagamenti e la non applicazione delle sanzioni, concessione di spazi pubblici senza costi a chi non è assegnatario, istituzione di  un tavolo di confronto con i proprietari dei locali per ridurre e dilazionare nel tempo gli affitti.

“Come ha evidenziato il presidente nazionale dell’Anci, Antonio De Caro ci aspettiamo una forte riduzione di entrate fiscali che avranno ripercussioni sui bilanci comunali”, dice la sindaca di San Salvo, Tiziana Magnacca, “è quindi necessario che, oltre alle iniziative che questa amministrazione attiverà, ci sia il sostegno del Governo e della Regione. Attendiamo decisioni concrete sulla erogazione di fondi compensativi che ci permettano di attivare in sicurezza tutte le proposte su cui l’amministrazione sta lavorando”.

Anche Cupello e Monteodorisio si accingono a varare provvedimenti.

In consiglio comunale ho preso l’impegno di ridurre la Tari e la Cosap (canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche temporanee, ndc), per venire incontro a quei cittadini che hanno subito danni e che hanno ricevuto poco dal governo nazionale”, fa sapere Graziana Di Florio, sindaca di Cupello. Mentre la sua omologa di Monteodorisio, Catia Di Fabio, ha deciso di essere vicina alle attività commerciali sospendendo il pagamento della Cosap a bar, pizzerie ed ambulanti.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.