Banner Top
Banner Top

Interventi rinviati al San Pio per insufficienza di anestesisti, Menna: “Una situazione assurda”

«Si continuano a registrare costanti disservizi per l’ospedale di Vasto. Diversi cittadini – dichiara il sindaco Francesco Mennami hanno informato che le attività di sala operatoria non urgenti sono fortemente rallentate a causa della insufficienza di anestesisti nelle equipe mediche. Si procede invece solo con gli interventi di emergenza. I pazienti sono costretti a rimandare gli interventi senza alcuna certezza sulla data di intervento. Pazienti che rimangono immobilizzati per interventi ortopedici per diversi giorni. Una situazione assurda che non è possibile accettare. Risulta inoltre che il Dott. Lanci, primario di chirurgia di Vasto, stia operando prevalentemente su Ortona e Chieti, e saltuariamente su Vasto. Quindi, si sta cercando in tutti i modi di spostare gli interventi di sala operatori su altri ospedali mortificando Vasto, il vastese e il sud dell’ Abruzzo. Tutte queste vicende mi portano a concludere che si sta spogliando l’ospedale di Vasto di ogni servizio. Non accetto queste scelte – conclude Menna e farò il possibile per avere garanzie che il San Pio torni ad essere un ospedale di riferimento per  il territorio vastese e non solo. Ringrazio il personale medico e paramedico  per il lavoro che continua a svolgere nonostante le difficoltà registrate e le condizioni di lavoro fuori dal normale».

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.