Banner Top
Banner Top

Cinghiali, gli operai della Sevel: “Il pericolo è continuo”

“Faccio tutti i giorni 70 chilometri per raggiungere la Val di Sangro e non c’è un solo giorno in cui io non incontro almeno un cinghiale. Sabato sera ho assistito all’ennesimo incidente in zona Brecciaio. Mi sono fermata a prestare soccorso. Fortunatamente il conducente stava bene, ma era molto spaventato. La sua macchina? Distrutta! L’anno scorso abbiamo perso tre colleghi in Sevel per l’attraversamento della strada da parte degli ungulati. Se i cinghiali non possono essere abbattuti vanno spinti all’interno delle riserve e le strade vanno messe in sicurezza con adeguati guard rail. Automobilisti andate piano soprattutto se avete bambini a bordo”. E’ questo il racconto di di E.B. una dipendente Sevel.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.