Banner Top
Banner Top

Ritrovato un documento del 1700. Com’era  San Salvo?

 

Da  quasi cinquant’anni  San Salvo si caratterizza,  a livello italiano e internazionale,   per  la produzione dei vetri delle  auto, dei motorini per tergicristalli e delle pesche.  Nel  ’700,  era un borgo abitato da contadini, che ad un certo punto iniziarono  ad abbattere alberi, a ripulire  i terreni  incolti,  dalle  erbacce ed in particolare dalle selve boscose, dalle ramaglie, dai canneti e dai cespugli di rovi. Dopo aver eseguito  le operazioni di aratura,  seminarono  il grano e i legumi, e piantarono le viti, gli olivi e gli ortaggi.

A  comprovare  quanto appena detto,  è un documento del 1796,  venuto alla luce solo recentemente, firmato a penna e inchiostro  dall’abate  Francesco Sacco,  insegnante  di storia e geografia  nel  collegio istituito dal Re Salvatore di Napoli. Ecco la  descrizione:” San Salvo giace sopra una piccola collina, d’aria buona e nella distanza di due  miglia dal mare Adriatico, e di quattro da Vasto, e di 42,  in circa dalla città di Chieti. Sono da marcarsi in quella Città Regia padronato sotto il titolo di San Lorenzo; tre cappelle pubbliche sotto l’invocazione del Sagramento, di San Nicola da Tolentino, e di San Vitale e due cappelle rurali fuori l’abitato sotto i titoli della Madonna delle  Grazie, e di San Rocco.

I prodotti del suo territorio sono grani, legumi, frutti,vini ed erbaggi per pascolo di greggi. Il numero degli abitanti  ascende a 1074 sotto la cura spirituale  di un arciprete, il quale si destina dal cappellano del Re Nostro Signore, e porta il titolo di Vicario Generale della Real Badia de’ Santi Vito e Salvo”.

Gli eruditi di quell’epoca, pensarono che  San Salvo  fosse la copia del  Paradiso. I suoi abitanti non se la spassavano male.  Quasi tutte le famiglie avevano  un forno a legna in casa, e chi non l’aveva  usufruiva  di quello  del vicino.  Ognuno  aveva  la sua fetta di pane da infilare in bocca. Erano povere soprattutto le famiglie numerose. Tra di loro si conoscevano tutti, pertanto si aiutavano a vicenda. I valori  rappresentavano una delle basi interiori della vita.

Michele Molino

 

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.