Banner Top
Banner Top

Rottura della condotta idrica. Vasto, San Salvo e altri 35 Comuni a secco

Gli imprevisti – in questo caso la rottura improvvisa della condotta principale dell’Acquedotto del Verde – non risparmiano nemmeno le feste di Natale, con le inevitabili conseguenze. Il problema si è verificato in località Macchie nel Comune di Fara San Martino e questo purtroppo crea disagi a quasi tutti i Comuni della Provincia di Chieti, gestiti dalla Sasi, che rimarranno con i rubinetti a secco.

I tecnici saranno impegnati nella riparazione e per consentire, appunto, i lavori, dovrà necessariamente essere sospesa la fornitura idrica dalle ore 14.00 del 26 dicembre prossimo fino al tardo pomeriggio del 27. Una situazione di difficoltà che purtroppo non è possibile evitare. I dipendenti della Sasi sono consapevoli delle criticità che saranno costretti ad affrontare i cittadini di numerose località e assicurano che faranno tutto il possibile per ripristinare una condizione di normalità entri i termini ipotizzati.

I Comuni interessati dalla chiusura sono: Altino, Archi, Atessa, Arielli, Canosa Sannita, Casalbordino, Casoli, Castel Frentano, Civitella Messer Raimondo, Crecchio, Cupello, Fara San martino, Fossacesia, Frisa, Furci, Gissi, Giuliano Teatino, Lanciano, Monteodorisio, Mozzagrogna, Ortona, Paglieta, Perano, Poggiofiorito, Pollutri, Rocca San Giovanni, San Buono, San Salvo, Santa Maria Imbaro, Sant’Eusanio del Sangro, San Vito, Scerni, Tollo, Vacri, Vasto, Villalfonsina e Villamagna.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.