Rapinarono le Poste, assolto per insufficienza di prove

E’ stato assolto per insufficienza di prove L.M. 34 anni di Acireale che era stato accusato di rapina all’ufficio postale di Liscia. Per quella vicenda, che risale al settembre del 2016, il tribunale condannò mesi fa I.G di Catania a 4 anni di reclusione con rito abbreviato. Furono due gli uomini camuffati che fecero irruzione nell’ufficio postale di Liscia intimando al dipendente in servizio, Donato Di Giacomo e ai due clienti presenti, di entrare nel bagno e di rimanere lì tranquilli.

I due malviventi prelevarono dall’ufficio postale le poche centinaia di euro presenti in cassa per poi fuggire a bordo di una Fiat Punto di colore grigio, sulla quale li attendeva un complice. A dare l’allarme un residente che prima di far ciò fece una foto all’auto usata la quale venne ritrovata poco dopo dai carabinieri. La stessa risultò poi rubata.

Al termine delle indagini vennero identificati e accusati L.M. e I.G.

L.M. scelse il rito ordinario per dimostrare in dibattimento l’estraneità ai fatti contestati. In effetti nessuno dei testimoni lo ha riconosciuto non è emersa alcuna prova della sua presenza in Abruzzo e in provincia di Chieti il giorno della rapina.

Paola Calvano

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.