Banner Top
Banner Top

Picchiò al volto la cognata, Urbano a giudizio

Dovrà comparire dinanzi al giudice ma questa volta come imputato, Domenico Urbano, il pugile vastese che il 25 dicembre 2017 venne accoltellato dal cognato, Francesco Orticelli al culmine di una violenta lite. Dovrà rispondere di lesioni aggravate subite dalla cognata Anna Malatesta (moglie di Orticelli).

A distanza di tre anni si invertono dunque i ruoli.

L’udienza è stata fissata per il 24 gennaio 2020. Una decisione scaturita un anno fa dopo che il giudice di pace – dinanzi al quale era comparso Urbano per rispondere del reato di lesioni – visti i referti medici della donna ha ritenuto che le lesioni fossero aggravate e quindi di competenza del tribunale. La documentazione medica della donna parla di grave trauma facciale, infrazioni dello zigomo, ematomi nella zona oculare e a cui si aggiunge anche quella di minacce.

“I referti medici prodotti da Anna Malatesta”, dice l’avvocato difensore della donna, Antonello Cerella “confermano che Orticelli era stravolto dalla vista della moglie stesa per terra e sanguinante. Anna Malatesta”, spiega ancora l’avvocato Cerella, “ha avuto bisogno delle cure ospedaliere. E’ stata colpita ripetutamente al volto ed ha riportato un trauma cranico e la frattura del setto nasale. La denuncia della donna è supportata dalle immagini del suo volto tumefatto. Davanti alle immagini e alla documentazione medica lesioni il giudice di pace ha ritenuto di dover rimettere gli atti alla Procura e ora della vicenda dovrà occuparsi il giudice monocratico”, conclude l’avvocato.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.