Banner Top
Banner Top

I soci del Circolo nautico ripuliscono il porto dalla plastica

Cassette di polistirolo, reti per l’allevamento di mitili, bottiglie di plastica, tanti pezzi di legno e perfino delle infradito. Il mare di rifiuti che nei giorni scorsi aveva invaso il porto di Punta Penna è stato completamente ripulito da un gruppo di soci del circolo nautico. Chiamati a raccolta dal presidente del sodalizio, Nicola Mastrovincenzo, i volenterosi diportisti si sono armati di santa pazienza e con l’aiuto di un guadino (retino a forma di sacco conico) hanno lavorato di gran lena per tutta la mattinata di sabato, riuscendo a recuperare tanto di quel materiale da riempire ben dodici carrellati della raccolta differenziata. A fine mattinata avevano la schiena a pezzi. Il più partecipe è stato il socio Michele Di Carlo.

“E’ stato sufficiente un messaggio su Watsapp per raccogliere le adesioni spontanee”, racconta Mastrovincenzo, “ringrazio i soci che hanno risposto al mio invito e che si sono dati da fare. Non potevamo restare a guardare e lasciare tutta quella plastica in acqua. La triste considerazione è che non tutti considerano il mare come casa propria e quindi da rispettare. In questi casi è anche molto difficile il controllo da parte delle autorità preposte. Noi come circolo nautico abbiamo dato il nostro piccolo contributo”.

La guerra del sodalizio contro la plastica è iniziata da tempo. Molte le iniziative organizzate la scorsa estate per dare una mano all’ambiente.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.