Banner Top
Banner Top

Canali ostruiti e frana, a Vasto mai puliti dal 1992

La situazione è critica ma non disastrosa. Occorre un intervento importante per liberare i canali ostruiti e il Comune e il Consorzio di bonifica sud chiederanno insieme un aiuto economico alla Regione. E’ quanto deciso ieri mattina al termine del sopralluogo in località Fonte Joanna. Tecnici e politici hanno controllato le canaline di scolo ostruite, alla presenza di alcuni residenti.

“Ci sono canaline che si trovano a 4 metri di profondità“, spiega il vice sindaco Giuseppe Fortee non sono raggiungibili tanto facilmente. Altri sbocchi più superficiali saranno puliti e il Consorzio si è impegnato a fare la sua parte. Il problema è che in quella zona la vegetazione selvaggia non viene rimossa dal 1992. Dopo 27 anni ,canne e arbusti hanno creato un muro. Per ripulire il costone è necessario un intervento che richiede un importante impegno economico. Chiederemo aiuto alla Regione. Quello che è positivo”, aggiunge Forte “è che i periti hanno assicurato che non c’è pericolo di smottamenti e frane”.

Subito dopo il vicesindaco si toglie un sassolino dalla scarpa e ricorda che i finanziamenti promessi all’amministrazione vastese non arrivano.

“Ci sono due progetti esecutivi già finanziati (con 800 e 370 mila euro) ed un terzo progetto di massima ( da 400 mila euro) curato dal Genio civile. I soldi sono stati annunciati ma non sono arrivati. Il dissesto idrogeologico di piazza Marconi preoccupa Forte e anche il sindaco Francesco Menna. È evidente che la situazione non lascia tranquilli. Già un anno fa”  ricorda Forte “sollecitammo le autorità preposte anche per via Vilignina, via Santa Lucia, via San Biagio e via Marinai d’Italia a Punta Penna. Abbiamo avuto fondi solo per Punta Penna”.

“Solleciteremo il ministero dell’Ambiente”, dicono alcuni residenti affatto tranquilli. “Quello che accade a Vasto è drammatico”.

La dimensione del problema ha origini storiche. Dal Seicento ad oggi in città si registrano periodicamente grossi movimenti franosi. La frana del febbraio 1956 che portò a valle via Adriatica cambiò il volto alla città. Nel 2011 il Comune ha eseguito un intervento in via 3 Segni e in via San Michele. Nel 2014, con un milione di euro, è stato ingabbiato il tratto di costone che va da piazza Marconi alla Loggia.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.