Banner Top
Banner Top

Polizia Locale, Toma dirigente: protesta il sindacato

Il sindaco Francesco Menna nomina un nuovo dirigente della polizia municipale, attribuendo l’incarico a Vincenzo Toma e il sindacato chiede l’annullamento in autotutela del decreto e della selezione interna per l’attribuzione delle posizioni organizzative. Torna alla carica il Coordinamento regionale del Csa, l’organizzazione dei dipendenti pubblici, che pone nuovamente all’attenzione dell’amministrazione comunale una questione nota da anni che, a detta del sindacato, lede l’autonomia della polizia municipale e viola una serie di norme, in particolare la legge regionale n.42 del 2013.
“Le vigenti disposizioni di legge escludono nella maniera più assoluta e tassativa che possa essere prevista la figura di un dirigente amministrativo, che dirige un altro settore dell’ente e che non appartiene ai ruoli della polizia locale, al quale venga attribuito l’incarico dirigenziale del corpo di polizia locale, seppur limitatamente alla sola responsabilità amministrativa”, sostiene l’organizzazione sindacale, “così come escludono che un dirigente estraneo alla polizia locale possa attribuire un incarico di posizione organizzativa ad un ufficiale della polizia locale, giacchè in tal modo si instaura un illegittimo rapporto di dipendenza tra il dirigente ed il predetto ufficiale. La questione è ben nota da anni al Comune di Vasto, in quanto presso questo ente, nonostante le numerosissime segnalazioni da parte delle organizzazioni sindacali, si continuano a violare le norme. Preme ricordare che le superiori norme di rango nazionale e regionale disciplinanti l’ordinamento della polizia locale dispongono per la sua piena e totale autonomia organizzativa, operativa, funzionale e gestionale. Nell’Ordinamento della polizia locale”, incalza il sindacato, “ il comandante è l’unica figura apicale che ha la piena direzione e gestione del Corpo per tutti gli aspetti che riguardano la struttura organizzativa della polizia locale, senza limite alcuno, e dunque egli è il solo ed unico responsabile verso il sindaco, o verso l’assessore delegato, per tutti gli aspetti relativi alla gestione del servizio, sia per gli aspetti “operativi” e sia gli aspetti puramente “amministrativi”.
Il coordinamento regionale del Csa ricorda che il comandante deve essere in possesso della laurea e che può essere nominato solo in seguito ad un regolare concorso. 

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.