Banner Top
Banner Top

Villa confiscata per lo spaccio. La Cassazione fissa il ricorso

Villa di via dei Buontempi: il 18 ottobre la Cassazione prenderà la decisione definitiva. La villa fu confiscata nove anni fa nel corso di un’inchiesta per spaccio contro una coppia rom. I 4 nipoti della coppia, che avevano ricevuto in eredità la villa, cercano di riavere l’immobile che appartiene a loro e non agli indagati.

La sentenza della Cassazione è attesa fra poco più di un mese. Quattro mesi fa il Comune annunciò che la struttura sarebbe diventata sede di una comunità per minorenni.

La decisione è stata presa dall’ente prima della sentenza”, afferma l’avvocato Fiorenzo Cieri. Gli eredi sono diventati maggiorenni e lo rivogliono.

Da qualche settimana la vicenda si è arricchita di un nuovo capitolo. Passando davanti all’immobile per accertarsi che non venisse danneggiato, i rom hanno visto che nella villa non ci sono minori ma famiglie che utilizzano anche l’arredo e i loro vestiti. I legali dei 4 hanno presentato un esposto alla Procura. Un pool di avvocati riapre la battaglia: con Fiorenzo Cieri, Antonello Cerella, Antonello Madeo e Danilo Leva invocano l’intervento della magistratura.  “Chiediamo alla Procura», concludono gli avvocati, «di verificare la legittimità della procedura di reimpiego dell’immobile».

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.