Banner Top
Banner Top

Cinque anni fa i capodogli spiaggiati a Vasto

Era il 2014 di oggi e io di questa magnifica impresa non ho fatto parte, ma questo ha importanza solo per me.
La notizia vera di quell’evento è stata che quattro dei sette capodogli spiaggiati hanno avuto salva la vita, e guardando agli altri spiaggiamenti dei cetacei è stata una percentuale di successo.
L’altra è il ricordo della mia fierezza, allora ero a Roma alla Camera, nel mostrare le foto di una straordinaria spontanea partecipazione che per energia e tempestività ha garantito la vita a questi spettacolari mammiferi, segno di grande sensibilità e prossimità al mare e alle sue creature.
Riguardo le foto e ce ne sono alcune che hanno colto frammenti di tenerezza, di sollecitudine, della convinzione profonda che ci si salva tutti insieme o non c’è futuro.
Se a Vasto ci fosse un museo o un centro culturale dedicato al mare il 12 settembre del 2014 meriterebbe una sala con una animazione virtuale 3D permanente, un luogo in cui immagini in movimento, amplificazione dei suoni e delle voci aiutino chi guarda a non essere spettatore di una tragedia e contemporaneamente di un grande risultato, ma gli faccia vivere il sentirsi parte del mare.

Maria Amato

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.