Banner Top
Banner Top

Cbi, ora si tratta in Regione

La CBI di Gissi annuncia 31 licenziamenti. E ora la mediazione si sposta in Regione. Sulla vertenza intervengono Silvio Paolucci e Gianni Cordisco. “Sottovalutato l’allarme dei sindacati”, dicono il capogruppo Pd in Regione e il egretario provinciale, “la Regione ora si attivi per salvare i posti salvabili e mantenere operativo lo stabilimento abruzzese. Diciamo no ai 31 licenziamenti alla Cbi che cancellerebbero una realtà preziosa per Gissi e l’indotto. La Regione si attivi per ridimensionare i provvedimenti e conservare il presidio”, affermano Paolucci e Cordisco.

Gli assessori Mauro Febbo e Piero Fioretti hanno convocato per martedì a Pescara sindacati e dirigenti della Cbi. Si cerca di correre ai ripari. “La crisi era annunciata e poco prima dell’estate fu sottovalutata”, insiste Paolucci. “Ci fu una mia interpellanza a giugno per far emergere la situazione di crisi, ma evidentemente gli incontri convocati subito dopo hanno solo rimandato a fine estate e non risolto il problema che scoppia ora nel peggiore dei modi sia per i lavoratori che per il territorio”.

Lo stabilimento della CBI di Gissi (ex Chicago Blowers) impiega circa 31 lavoratori, fino a raggiungere le 40 unità nei periodi di maggior produzione. A questi si aggiungono altri 50 che lavorano nell’indotto, inoltre l’azienda madre conta ben 12 stabilimenti produttivi in tutto il mondo, di cui uno in Belgio, uno in India e ben tre in Italia (a Monza, Cambiago e Gissi) , che offrono lavoro a circa mille dipendenti.

“Non è pensabile”, dicono Paolucci e Cordisco “che i sacrifici per mancanza di commesse ricadano solo su quello abruzzese. Questo malgrado ci siano altre soluzioni percorribili. Bisogna fare presto e trovare soluzioni per non ripetere l’inerzia avuta per altre vertenze. E’ necessario fare il possibile per evitare la fuga dall’Abruzzo”.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.