Banner Top
Banner Top

Lavori per Jovanotti, scattano le prime denunce

Scattano le prime denunce per i lavori fatti in spiaggia in previsione del concerto di Jovanotti. La tappa vastese del tour, inizialmente in programma il 17 agosto, è saltata per gravi motivi di sicurezza emersi in Prefettura durante il comitato per l’ordine pubblico. Ma il Jova beach party continua a far parlare di sè.

Nei giorni scorsi, infatti, i carabinieri forestali del gruppo di Chieti hanno segnalato alla Procura di Vasto due persone: si tratta dell’amministratore unico e del legale rappresentante della ditta che si è occupata dell’intervento nella zona di Fosso Marino.

Le accuse vanno dalla distruzione o deturpamento di bellezze naturali alla violazione del testo unico in materia di edilizia e delle norme ambientali. Le indagini potrebbero arrivare presto a un’ulteriore svolta: sono in corso accertamenti su chi, all’interno del Comune, committente dei lavori, si è occupato della vicenza. In sostanza, stando agli accertamenti dei militari, Fosso Marino è stato tombato in assenza delle autorizzazioni necessarie e nonostante l’area fosse sottoposta a vincolo paesaggistico. D’altronde, anche la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggi dell’Abruzzo, in una lettera inviata a Comune di Vasto, Regione e Prefettura, aveva sottolineato “la necessità, per i consistenti movimenti di sabbia e terreno previsti, di sottoporre tali a procedura di screening per Via (Valutazione di impatto ambientale) regionale”.

Al tempo stesso, al Comune è stato chiesto “di fornire le motivazioni per le quali non si sia ritenuto necessario attivare la procedura di autorizzazione paesaggistica che, come noto, prevede l’espressione del parere vincolante della Soprintendenza”.

E ora si apre il problema dell’eventuale ripristino dei luoghi: nell’area, in base a quanto sottolineato dalle forze dell’ordine durante i numerosi incontri in prefettura, potrebbero sorgere gravi problemi di sicurezza in caso di pioggia.

Quella di Vasto non è l’unica procura ad occuparsi delle vicende legate al Jova beach party. I carabinieri, infatti, hanno inviato anche ai pm di Chieti un’informativa sulle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Vasto Francesco Menna e dagli  organizzatori in merito alle decisioni prese dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è riunita nel capoluogo teatino. In procura sono arrivati anche i verbali della commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, che ha evidenziato una serie di problematiche e carenze nella documentazione presentata per il concerto da organizzatori e Comune di Vasto.

Gianluca Lettieri (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.