Banner Top
Banner Top

Busto sparito, da otto mesi nessuna risposta

“Dov’è finito il busto di mio zio Carlo Della Penna?”. A distanza di otto mesi dall’invio di una lettera al sindaco Francesco Menna, Carlo Centorami, referente dell’associazione “Vasto libera”, torna a chiedere pubblicamente all’amministrazione comunale notizie sul monumento dedicato a Carlo Della Penna dai vastesi nel 1958.

La base che sorreggeva il busto è stata distrutta dai vandali così come gran parte dell’asilo in abbandono da anni. “Ma ora quel busto di bronzo che rappresentava mio zio, mecenate emigrato giovanissimo in Argentina, dove è finito? La cosa più grave è che il sindaco Francesco Menna a cui ho chiesto notizie, non ha saputo rispondermi. Questo mi addolora e mi fa rabbia . Sulla base del busto c’era la dedica fatta dai bimbi di Vasto a mio zio. Il busto è stato forse rubato? Menna non mi ha risposto”, si rammarica Carlo Centorami.

L’associazione “Vasto Libera” che a inizio anno aveva protocollato una lettera indirizzata al prio cittadino e ai dirigenti comunali, non si arrende.

“La sparizione del busto di bronzo è per me uno dei motivi per cui sono molto arrabbiato con questa amministrazione comunale . Com’è possibile perdere un busto di bronzo? Dov’è finito il busto di mio zio Carlo Della Penna?”, insiste Centorami.

L’interrogativo è contestuale allo sdegno per le condizioni in cui è l’ex asilo acquisito al patrimonio del Comune da quasi tre anni dopo un lungo e travagliato iter. La palazzina, che per più di quarant’anni ha svolto una importante funzione educativa, dapprima come scuola per l’infanzia e successivamente come sede del corso universitario per traduttori e interpreti, è staro devastato da vandali e teppisti. Le porte e le vetrate sono state rotte ,così pure l’arredo.

All’esterno la vegetazione incolta è disseminata di rifiuti. Anche la base su cui poggiava il busto di Carlo Della Penna davanti all’ex asilo non è sfuggita alla stupida azione dei teppisti. Del busto però si sono perse le tracce. Il bronzo purtroppo va a ruba e quindi non è escluso che quel busto si stato rubato e fuso.

“Quale che sia la verità, chiedo una risposta”, insiste il referente dell’associazione “Vasto libera”. “Com’è possibile che l’amministrazione comunale non riesca a darmi una risposta?”.

Paola Calvano (Il Centro)

  • IMG-20190822-WA0001
  • IMG-20190822-WA0002
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.