Banner Top
Banner Top

Turismo in crisi, presenze in calo: “Declino iniziato qualche anno fa”

Il periodo di ferragosto è passato e la stagione torna al volto mesto di luglio. In cifre e percentuali, un disastro, almeno il 25% in meno rispetto allo scorso anno. Un dato incontestabile. Le prime avvisaglie c’erano state a maggio. Il ponte del 1 maggio è solitamente il periodo delle prenotazioni. A Vasto sono state pochissime. A luglio buona parte dei vacanzieri è fuggita dopo la devastante grandinata del 10 luglio e il tempo incerto nei giorni a seguire. La prima decade d’agosto la situazione è rimasta critica. La riviera la sera ha registrato pochissime presenze. Un pò meglio è andata nel centro storico grazie anche alle attività commerciali aperte, eventi e concerti nelle piazzette voluti dall’associazione di commercianti “Vasto in centro” diretta da Marco Corvino e concordati con l’amministrazione comunale.

Tante le prenotazioni in alberghi e B&B a cavallo di Ferragosto disdette con l’annullamento del concerto di Jovanotti. La settimana a cavallo di Ferragosto è stato comunque l’unico periodo in cui la città è parsa affollata. Da ieri il lungomare al tramonto è nuovamente meno affollato.

“Il trend negativo è iniziato da qualche anno”, dice Massimo Di Lorenzo presidente degli operatori della Marina. “Non ci sono più , o sono poche le famiglie che prenotano una casa a Vasto per un mese. Le vacanze sono più brevi e a ridosso del week end. Probabilmente la promozione di questa città e di questa costa così bella dovrebbe cominciare in inverno ed essere portata avanti in sinergia. Servono slogan ,pubblicità positiva e iniziative e attrattive concordate”.

Angelica Molino titolare dell’agenzia immobiliare Molino conferma. “Agosto è stato meno critico. Luglio al contrario ha registrato meno prenotazioni”, afferma l’operatrice. “Anche adesso solo nei week end si registra il tutto esaurito”.

Il calo di presenze è stato contestuale al calo di spese. Chi arriva spende molto meno rispetto al passato. Un dato che conferma che alla base del problema c’è la crisi economica ed occupazionale, nel Vastese come nel resto d’Italia. I sindacati sono daccordo. “Il turismo è in crisi perchè non c’è più alcuna certezza sul futuro“, dice Emilio Di Cola. “Il settore auto è in crisi .Tutto il settore metalmeccanico lo è. Se un operaio non sa se andrà in cassa integrazione o se addirittura l’azienda ( come è accaduto alla Sam) potrebbe non avere futuro come fa ad andare in vacanza e spendere? Il turismo purtroppo è un anello della catena economica”.

A Vasto gli amministratori (condizioni meteo permettendo) , sperano ora nel turismo di settembre. “Il mare vastese è bellissimo a settembre”, ricorda Massimo Di Lorenzo. Diverse le iniziative in programma che si concluderanno con le festività patronali.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.