Banner Top
Banner Top

MotoGp d’Austria, Andrea Iannone chiude al 16° posto

Partito 18esimo sulla griglia di partenza, Andrea Iannone chiude il MotoGp d’Austria in 16esima posizione (ultimo visti i ritiri di Rabat, Miller, Syahrin, P. Espargarò e Crutchlow). Non va molto avanti il pilota vastese che nella prima giornata aveva dichiarato: “Stiamo incontrando delle difficoltà, non lo nascondo. Oltre al distacco fatichiamo a mantenere un buon ritmo, essendo al limite dobbiamo forzare molto e questo sulla distanza non paga. In ogni caso dobbiamo mantenere la concentrazione, potrebbero cambiare le condizioni e abbiamo bisogno di continuare a migliorare”.

A tagliare per primo il traguardo uno strepitoso Andrea Dovizioso. Una gara spettacolare e un finale più che emozionante. Sul podio anche Marquez, Quartararo. A seguire Rossi, Vinales, Rins, Bagnaia, Oliveira, Petrucci, Morbidelli, Nagakami, Zarco, Bardl, Espaargarò, Abraham, Iannone.

LA GARA (Massimo Brizzi gazzetta.it). La pioggia della notte e del warm up lascia spazio all’asciutto, con i piloti che puntano su queste scelte di gomme: Rossi, Viñales, Marquez e Rins con doppia media; Dovizioso, Miller Quartararo Nakagami con Media e Soft al posteriore. Al via lo scatto è di Marquez, ma Dovizioso lo attacca all’esterno della curva 3 con lo spagnolo che deve allargare e porta fuori pure il forlivese. La manovra fa perdere terreno a entrambi, con Marc che si ritrova 5° e Quartararo che ne approfitta per andare in testa. Al 6° giro Dovi passa in testa e un giro dopo Marquez lo raggiunge. È il duello atteso, con Miller che scivola dopo un bell’avvio e le Yamaha di Quartararo e Rossi alle loro spalle. L’affondo di Marc (9° giro) è implacabile, Dovi replica, affiancati, con il cuore il gola. Un paio di tentativi per saggiare il terreno e a 9 giri dalla fine la staccata di Dovi va a segno. Primo affondo. Poi a -3 la lotta si sposta in curva, non solo in staccata, con botta e risposta in piega cui seguono altrettante stilettate in frenata e accelerazione. Al penultimo giro Marc è davanti, e ci resta pure dopo un incrocio da urlo alla prima staccata. È solo la premessa del gran finale dell’ultima curva. Quella che scrive un’altra bella pagina della storia di Dovizioso e la Ducati.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.