Banner Top
Banner Top

Grandine, chiesti 220 milioni di euro per i danni

La giunta regionale, questa mattina, ha deliberato di richiedere al Presidente del consiglio dei Ministri, tramite il dipartimento della Protezione civile, la dichiarazione dello stato di emergenza a seguito degli eventi calamitosi del 10 luglio scorso che hanno riguardato tutto il territorio regionale.

Il 10 luglio su diversi Comuni e, in particolare, nelle province di Chieti e Pescara, si sono verificati eccezionali eventi metereologici con precipitazioni piovose e grandine che hanno causato danni estesi soprattutto a coperture, infrastrutture pubbliche e private, reti dei servizi con conseguente interruzione dell’erogazione di energia elettrica, di acqua potabile e ostruzione delle reti fognarie, nonchè danni alle strutture per attività agricole produttive e turistiche.

Le abbondanti piogge hanno determinato anche l’allagamento di diverse strade, movimenti franosi e sommersione di piani interrati di edifici pubblici e privati, specie nelle aree di pertinenza dell’ospedale di Pescara con la temporanea interruzione di alcuni servizi essenziali. La Protezione civile ha subito comunicato ai Comuni coinvolti l’attivazione di ricognizione dei danni e dei fabbisogni mediante la piattaforma telematica.

Da una prima valutazione risultano coinvolti 52 enti per un totale di  € 222.570.689,81 , danni segnalati dai Comuni sulla piattaforma.

Per la provincia di L’Aquila (€ 652.080,78): Avezzano: 10.500,00 €, Pescocostanzo 90.802,56 €,  Pratola Peligna 11.590,00 €,  Rivisondoli 472.550,00 €, Trasacco 66.638,22 €.

Per la provincia di Chieti  (105.998.907,03 €):  ASL 02 Lanciano – Vasto – Chieti 10.000,00 €,  Casalbordino 256.235,00 €,  Chieti 358.749,11 €,  Cupello 741.471,27 €,  Fossacesia 2.234.500,00 €, Francavilla al Mare 62.465.487,00 €,  Fresagrandinaria 925.000,00 €,  Furci 2.342.897,60 €,  Miglianico 2.900.492,30 €,  Monteodorisio 1.652.237,84 €,  Ortona 3.121.134,23 €, Pollutri 133.049,00 €,  Provincia di Chieti 99.192,09 €,  Ripa Teatina  230.147,21 €, Rocca San Giovanni 499.213,00 €,  San Giovanni Teatino 10.206.451,44 €,  San Salvo 201.020,96 €, San Vito Chietino 344.222,64 €,  Schiavi di Abruzzo 153.400,00 €, Tollo 178.628,20 €,  Torino di Sangro      41.572,00 €, Tornareccio 140.000,00 €,  Torrevecchia Teatina 4.619.605,14 €, Vasto 12.144.201,00 €.

Per la provincia di Pescara (114.092.502,00 €): Abbateggio  44.500,00 €,  Bolognano 100.262,00 €,  Cappelle sul Tavo 2.148.893,66 €,  Città Sant’Angelo 72.000,00 €, Civitella Casanova 150.000,00 €,  Collecorvino 700.000,00 €, Elice 980.000,00 €,  Montesilvano 4.990.689,64 €, Moscufo  3.670.000,00 €,  Pescara  91.208.976,03 €,  Picciano 890.000,00 €,  Pietranico 680.000,00 €, provincia di Pescara 1.180.728,00, Spoltore 7.163.452,67 €, Villa Celiera 68.000,00 €,  Caramanico Terme 45.000,00 €.

Per la provincia di Teramo (1.827.200,00 €):  Alba Adriatica 58.700,00 €,  Canzano 2.500,00 €,  Cellino Attanasio 40.000,00 €, Montefino 375.000,00 €,  Pineto 40.000,00 €,  Roseto degli Abruzzi  31.000,00 €, Valle Castellana 1.280.000,00 €.

La giunta ha dato mandato alla struttura di Protezione civile regionale di dare supporto successivamente al dipartimento nazionale nella valutazione dell’effettivo  impatto al fine di individuare le risorse necessarie.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.