Banner Top
Banner Top
Banner Top

Cani a Sant’Onofrio tra polemiche e condivisioni

Tiene banco e trova contrapposizione di idee tra i cittadini, la presenza dei cani nella rotatoria di Sant’Onofrio a Vasto. Alcuni residenti si dicono davvero esasperati e anche preoccupati.

“Diverse le auto che rischiano ogni sera incidenti a causa dei cani che attraversano improvvisamente la strada. Per non parlare poi che abbaiano e inseguono auto, moto, motorini in transito e ancor peggio rincorrono i passanti ignari molti della loro presenza lì. Non siamo contro i cani, ma la situazione non è più tollerabile. Invitiamo quanti criticano, a farsi un giro e a sostare qualche minuto nei pressi della rotatoria per vedere con i loro occhi cosa accade di giorno e ancor peggio di sera”.

“Non sono randagi”, commenta un cittadino, “sono cani che sono stati reinseriti in città dopo essere stati sterilizzati dall’Associazione Amici di Zampa. Sono provvisti di microchip”, incalza ancora.

“Amo i cani – risponde un residente del posto –  “e ne ho uno in casa, ma abito vicino alla rotatoria. Questi cani qui bivaccano e nella loro innocenza sono aggressivi. Lì vicino non ci può passare nessuno che si fa una corsetta senza essere rincorso, non può passare nessuno con la moto senza essere rincorso e se passi con il cane a guinzaglio sono guai. Prima di scrivere e difendere senza sapere, informatevi ed osservate. Nessuno vuole il male di quei cani, ma la situazione deve essere risolta prima che accada qualcosa”.

Al netto della contrapposizione di idee tra residenti del posto e non, resta il fatto che un cane senza padrone è un cane randagio. Possono essere sterilizzati e avere il microchip, ma restano comunque cani senza padrone che sostano giorno e notte all’interno della rotatoria creando panico e terrore a chi dei cani ha paura e creando anche situazioni che protebbero rivelarsi pericolose per gli automobilisti e i motociclisti.

Da sottolineare inoltre che l’Unità operativa Sanità animale della Asl Lanciano Vasto Chieti ha stilato un decalogo dalla doppia finalità: da un lato contrastare il randagismo e l’abbandono di cani incustoditi e lasciati liberi di vagare sul territorio, dall’altro assicurare condizioni basilari per il benessere del miglior amico dell’uomo.

Insomma se si decide di tenere un cane bisogna stare alle regole. Un messaggio dunque forte e chiaro che arriva dai veterinari della Asl Lanciano Vasto Chieti che hanno messo nero su bianco i doveri da rispettare per i possessori degli amici a quattro zampe.

Ma se i cani, come in questo caso, non hanno un padrone? Sono randagi e il randagismo va contrastato per la tutela del cittadino e dell’animale stesso.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.