Banner Top
Banner Top
Banner Top

“Ciao Roberto, che la terra ti sia lieta”

La morte di Roberto Buzzelli ha sconvolto un’intera comunità. A poche ore dalla notizia della sua dipartita tanti i post su Facebook: dagli amici, ai colleghi, a quanti lo hanno conosciuto come medico o nella vita privata. In tanti da venerdì, giorno del terribile incidente, hanno pregato e sperato che ce la facesse nonostante le sue condizioni erano molto critiche e preggioravano ore dopo ore.

“Fratello mio – scrive il sindaco di Casalbordino Filippo Marinucci suo amico fraterno e collega di lavoro – anche fino all’ultimo mi hai aspettato, come hai sempre hai con un fratello minore. Ciao”.

“Accarezzi l’idea del miracolo – scrive invece la dott.ssa e collega di Roberto, Maria Amato –  sai di essere piccola parte di una preghiera collettiva. La morte arriva comunque, nonostante l’amore della famiglia, nonostante l’impegno di tutti medici e operatori che hanno lottato con la morte, nonostante Roberto sia stato un combattente.  Ci si rende conto di quanta parte di vita si divide, semplicemente lavorando insieme. Vite che si incrociano nei tempi del lavoro, storie individuali che si fermano davanti ai pazienti. Se n’é andato col suo sorriso sornione, con l’ironia e con il suo senso della verità. Ciao”.

“In certi momenti della vita – scrive invece il dott. Gianni Mariotti – bisogna solo riflettere sul senso della nostra vita Addio caro amico”.

La sua simpatia, il suo sorriso, il suo altruismo, la sua bontà resterà per sempre nei cuori di quanti l’hanno conosciuto.

Laura Rongoni

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.