Banner Top
Banner Top

Vasto, alla sala Mattioli la personale dell’artista vastese-siracusano Gianfranco Bevilacqua

Dal Catalogo, a cura del critico d’arte Giuseppe F. Pollutri: “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è (Paul Klee). E’ questa una proprietà dell’arte, da sempre, ma la ‘modernità’ l’ha resa più evidente, laddove riesce a figurare efficacemente la propria sensazione dell’io e dell’altro da sé, per poi trasporla, con strumenti e materia, in un manu-tecno-fatto. L’arte, nell’era della esponenziale riproducibilità tecnica e tecnologica, non è più interessata a “illustrare”, quanto piuttosto a dare forma & immagine a ciò che, sempre e/o talvolta, “è invisibile agli occhi”.

[…] Dobbiamo far riferimento a tale innovata e contemporanea forma mentis di fronte alle opere di Gianfranco Bevilacqua. Le modulazioni plastiche (e in esse le linee, spazi, derivate ombre e luci) che le strutturano, nascono da un imput mentale, si manifestano dapprima su un supporto piano attraverso un segno e traccia, divengono ”linee di forza” (per dirla con Giacomo Balla futurista) utili alla successiva stratificazione o sedimentazione materiale dell’opera. Si realizza in tal maniera, con un’interazione cognitiva e culturale, la proposizione di una realtà ogni qual volta altra e nuova, un unicum poetico e immaginifico, quale che sia il materiale scelto e il grado d’astrazione di volta in volta attuata dall’artista. Una controllata ed evolvente astrazione della forma, la sua, che si dispiega, nello spazio e alla vista in maniera compiuta, finalizzata a realizzare ciò che si vuole che sia, a ‘materializzare’ (sorta di “ready-made” poco o nulla astruso e gratuito) quel che resterà presente e visibile nel successivo e fatalmente diveniente spazio/tempo.

[…] La preminente scelta della terracotta, unitamente al gesso scagliola – materiali detti poveri, relativamente fragili – è in funzione diretta di una poetica demiurgica e interattiva, tra materia e immagine, tra l’essere e il suo manifestarsi. Forme plasmate con un tegumento materico, una sorta di corteccia che, nel configurare l’opera, conserva ed esprime mutabilità e caducità della forma e della stessa materia che la struttura. I volti figurati da Bevilacqua hanno sembianze astrali, talora riecheggiano arcaicità etrusche, appaiono conchiusi in una maschera di perfezione e di mistero.

[…] L’opera è trasposizione formale dell’intenzione dell’artista e, al tempo stesso, metafora dell’arte creativa umana: dalla materia kaotica, più che inorganica, alla forma relativamente mimetica e inevitabilmente, in ogni caso semantica. Capace con la sua bellezza e/o eventuale quanto apparente disarmonia di comunicare ed emozionare, di rendere più gradita e soddisfacente l’esistenza terrena dell’umano. GFP

La mostra è visitabile dal 19 al 25 luglio compreso, con orario 18,00 – 23,00

Ingresso libero, costante presenza dell’artista.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.