Banner Top
Banner Top

Aggressione nel bar. In sei dal giudice per lesioni aggravate

E’ fissata per martedì 9 luglio l’udienza preliminare davanti il gup del Tribunale di Vasto Italo Radoccia per sei imputati presunti protagonisti dell’aggressione avvenuta ai danni di T.V. e V.O. nella notte tra il 22 ed il 23 aprile del 2017 davanti al bar La Sfinge di San Salvo. L’inquietante vicenda è stata minuziosamente ricostruita dalle forze dell’ordine attraverso i racconti delle due vittime e, soprattutto, grazie alle immagini riprese delle telecamere del sistema di video-sorveglianza del locale che hanno consentito ai carabinieri di individuare, poche ore dopo il fatto, i sei presunti aggressori: P.M., L M., V. M., A. C., D. D. N., C. D. L.

Questa la dinamica dei fatti ricostruita dagli investigatori. Uno degli aggressori è entrato nel locale 40 minuti dopo la mezzanotte e, cogliendo di sorpresa T.V. lo ha colpito con un violento pugno sul mento. Poco dopo sono arrivati due amici dell’aggressore che a loro volta si sono avventati addosso a T.V. colpendolo anche loro ripetutamente con calci e pugni. Un cliente del locale V.O. e un altro amico sono intervenuti in difesa di T.V. ma sono stati a loro volta venivano colpiti con diversi pugni.

Le sequenze successive hanno mostrato ai carabinieri che l’aggressione è poi proseguita all’esterno del locale. Proprio all’esterno la situazione è degenerata. Ai primi aggressori se ne sono aggiunti altri quattro soggetti compresa una donna che ha iniziato a colpire anche lei T.V. e V.O. con una scarpa con tacco a spillo.

Le vittime ferite e doloranti sono state poi lasciate sulla strada, sanguinanti e con i vestiti strappati. Dopo il raid punitivo i due feriti sono stati costretti a ricorrere alle cure mediche a causa delle gravi lesioni riportate che hanno comportato, in particolare per uno dei due, anche l’indebolimento permanente dell’apparato dentale. Martedì mattina T.V. e V.O. saranno presenti in aula assistiti dal loro avvocato Antonino Cerella, già costituitosi parte civile nell’interesse dei propri assistiti.

La vicenda a distanza di tempo è ricordata ancora con sgomento dai cittadini di San Salvo. “Si è trattato“, dice l’avvocato Cerella di un raid punitivo avvenuto in pieno centro abitato e davanti ad un locale. Una vera e propria sfida alla legalità che ha creato non poca preoccupazione fra i residenti”.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.