Banner Top
Banner Top

I cardellini esisteranno solo nelle gabbie

 

I  cardellini stanno scomparendo dalle campagne e dai giardini del comprensorio vastese (San Salvo, Vasto, Cupello, Lentella).   In passato ogni pianta custodiva un nido di cardellini. Le siepi sono drasticamente ridotti, per lasciare spazio a colture maggiormente redditizie. I cardellini non hanno più posto dove nascondersi. Infatti, il numero di esemplari è diminuito drasticamente rispetto al passato.  Il cardellino é originario della Svezia  centrale, ma si è diffuso in tutta l’ Europa, raggiungendo perfino Asia e Africa. Esso presenta un piumaggio caratterizzato da colori vivaci: petto grigio chiaro, faccia rossa-scarlatto, tempie bianche, ali nere con grandi bande gialle.

I principali predatori dei cardellini sono le gazze, le cornacchie e i corvi. I corvidi hanno raggiunto numeri spaventosi, facendo strage di uova e di pulcini.

Più corvidi e meno cardellini. La gazza aspetta che i piccoli nidi siano cresciuti per poi depredarli. Una rivista riportava, che su 300 nidi di cardellini monitorati, soltanto la prole di 10 nidi si è involata, i resti sono stati depredati dalle gazze e corvi. E’ un problema da molti sottovalutato, ma che sta diventando gravissimo. Più attenzione per le specie locali. Non si può e non si deve rimanere silenti e impassibili. Se non si fa qualcosa, fra qualche anno, i cardellini esisteranno soltanto nella gabbie.

Salviamo i cardellini!

Michele Molino

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.