Banner Top
Banner Top

Crisi, confermati i 55 esuberi. I sindacati: non esce nessuno

La dirigenza della Pilkington ha confermato il permanere della crisi e l’intenzione di avviare la procedura che a settembre dovrebbe culminare con 55 licenziamenti. I sindacati hanno ribadito che dalla fabbrica di Piana Sant’Angelo non deve essere allontanato nessun lavoratore. “La crisi si può e si deve gestire in altro modo. Da questa fabbrica non deve uscire nessun dipendente”, hanno ribadito categorici i rappresentanti provinciali di Cgil. Cisl e Uil e le Rsu di fabbrica al termine dell’ennesimo confronto.

L’incontro di ieri mattina non ha portato quindi ad un percorso condiviso della crisi. L’azienda resta ferma sulle proprie decisioni e così pure i sindacati. La fine degli ammortizzatori sociali è un grosso problema che potrebbe essere rimandato qualora la zona non venisse inserita in un’area di crisi e quindi beneficiaria di altri 6 mesi di ammortizzatori. I sindacati hanno chiesto all’azienda di trovare una soluzione per scongiurare 55 licenziamenti.

Gli impianti di San Salvo dovrebbero tornare a lavorare a pieno regime ma la crisi mondiale dell’auto non aiuta. Un’altra soluzione potrebbe essere il ritorno nella fabbrica di San Salvo del lavoro andato in Polonia e negli altri stabilimenti esteri del gruppo. I competitor della Pilkington sono tanti. Aziende cinesi ma anche consorelle.

I sindacati insistono affinchè da quest’ultime vengano attinte risorse produttive. I lavoratori non nascondono di essere molto preoccupati e chiedono ai rappresentanti regionale e anche al sindaco Tiziana Magnacca di interloquire con il ministero per ottenere l’inserimento del territorio nelle aree di crisi. Se ciò avvenisse si potrebbe allontanare di altri 6 mesi lo spauracchio dei licenziamenti. I sindacati restano scettici sui possibili effetti del nuovo decreto. “La crisi si supera riportando a San Salvo il lavoro non mandando a riposo i lavoratori con pensioni ridotte del 20%“, insiste Di Cola.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.