Banner Top
Banner Top
Banner Top

Neonata morì dopo il parto, scatta l’archivazione: “Fu una fatalità”

Tragica fatalità. Le indagini sulla morte di una neonata venuta al mondo due anni fa al San Pio e morta un mese dopo, sono arrivate a questa conclusione. Assolti il ginecologo e l’ostetrica che avevano assistito la partoriente ed erano finiti nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio colposo. L’indagine è stata archiviata. Nè al medico, nè all’ostetrica, a giudizio dei periti, possono essere addebitate responsabilità penali per quanto accaduto. Il difensore degli indagati, l’avvocato Davide Pellegrino ha accolto l’epilogo della vicenda con sollievo.

E’ una storia dolorosa”, dice l’avvocato .“Pur comprendendo il legittimo dolore dei genitori della piccola, grazie alla numerose perizie eseguite, è stato dimostrato che nè il ginecologo , nè l’ostetrica hanno commesso errori”.

La bambina non morì subito dopo il parto ma diverse settimane dopo . La gravidanza della mamma era stata serena. Nessuno poteva prevedere quello che sarebbe successo al momento del parto. Il cordone ombelicale attorcigliato al collo della piccina le impedì di respirare regolarmente provocando danni purtroppo letali.

A giudizio dei genitori, con esami adeguati fatti prima della nascita, le criticità provocate dal cordone ombelicale si sarebbero potute evitare. Non è arrivato a queste conclusioni il professor Michele Vecchione, il primo perito che si occupò della vicenda dopo che la procura dispose un incidente probatorio sull’accaduto. Alla perizia di Vecchione seguirono altri accertamenti eseguiti da periti nominati dal gip del tribunale di Vasto.

Le conclusioni furono le stesse: l’asfissia della piccina fu una tragica fatalità. La magistratura vastese ha dunque archiviato la vicenda. “I miei clienti tirano un sospiro di sollievo”, dice l’avvocato Pellegrino. “L’accusa era grave e per un medico che aiuta a nascere e vivere è davvero doloroso essere accusati. Legittimo il dolore dei genitori della piccola morta ad un mese dalla nascita, ma da parte dei miei clienti non c’è stato alcun comportamento colposo”, ha ribadito l’avvocato Pellegrino.

Paola Calvano (Il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.