Banner Top
Banner Top

Le indagini a carico di ignoti, la casa è ancora sotto sequestro

Fra le persone che sperano che vengano identificati gli assassini di Antonio Lizzi, c’è il sindaco di Monteodorisio, Saverio Di Giacomo. Lizzi venne picchiato come i coniugi Martelli di Lanciano massacrati di botte a settembre a scopo di rapina. Le similitudini fra i due fatti di cronaca sono stati segnalati 5 mesi fa agli investigatori da Saverio di Giacomo. Il movente che ha portato alla morte di Lizzi potrebbe essere una rapina.

“L’unica certezza e consolazione”, ha detto più volte Saverio Di Giacomo “è che l’assassino non è fra noi” . In effetti le comparazioni dei carabinieri del Ris (il reparto investigazioni scientifiche) sul Dna dei conoscenti di Lizzi hanno dato esito negativo. Gli assassini dunque non abitano a Monteodorisio. Dopo l’omicidio sono andati lontano e, finora, hanno fatto perdere ogni traccia.

L’indagine, al momento, resta a carico di ignoti. I sigilli ancora presenti su porte e finestre della casa di Lizzi rivelano però che nè la magistratura, nè i carabinieri si arrendono. Le indagini proseguono e questo fa piacere al primo cittadino.

Gli investigatori stanno facendo il possibile per evitare che l’omicidio di Lizzi resti un mistero irrisolto come l’uccisione di Antonio Menna, agricoltore del paese, avvenuta 40 anni fa. Nel 1979, mentre faceva provviste di acqua vicino a una fontana alla periferia del paese, qualcuno tese un agguato all’agricoltore 40enne. L’assassino lo colpì alle spalle. Il fatto avvenne all’alba. Menna era uscito da casa per raggiungere la sua campagna. Aveva bisogno di acqua e si era avvicinato ad una fontana. Era di spalle, quando fu colpito a morte da diverse fucilate alla schiena. Il fascicolo sull’ omicidio premeditato è stato chiuso senza il nome dell’assassino. Nessuno fu in grado di aiutare i carabinieri. Nessuno vide e sentì nulla. Esattamente come per l’uccisione di Lizzi.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.