Banner Top
Banner Top

Stupro di gruppo con la droga: sono 4 gli imputati

Droga, violenza e abusi. Sono molto gravi le accuse di cui sono chiamati a rispondere davanti al gup del Tribunale di Pescara, 4 giovani vastesi. Nell’ottobre 2014 il quartetto più un quinto ragazzo ancora minorenne avrebbe offerto hascisc e cocaina ad una ragazzina di origine marocchina all’epoca non ancora maggiorenne. La ragazza, sarebbe stata poi portata in un appartamento di Pescara, gettata a terra e costretta ad avere ripetuti rapporti con tutti gli indagati. I presunti reati di cui gli indagati sono accusati avvennero nel capoluogo abruzzese e per questo C.C.,25 anni, F.B. 24 anni, G.B. 23 anni e M.B. 23 anni, tutti di Vasto, saranno giudicati dai giudici del tribunale pescarese.

A difenderli saranno gli avvocati Raffaele Giacomucci, Fiorenzo Cieri, Antonello e Giovanni Cerella. Il loro ruolo appare delicatissimo. Gli accusati respingono le accuse. Secondo gli investigatori e il pm Rosangela Di Stefano, al contrario, le accuse sarebbero fondate e per uno degli indagati, M.B. ci sarebbe anche l’aggravante della recidiva.

“Il 7 ottobre 2014”, recita il capo d’imputazione “i 4 giovani e un minore, avrebbero partecipato ad atti di violenza sessuale nei confronti di O.T. all’epoca ancora minorenne. La ragazza è stata portata in un appartamento e una volta dentro, afferrata per i capelli e buttata a terra. Dopo averle offerto sostanze stupefacenti e alcoliche il gruppo di giovani avrebbe costretto O.T. contemporaneamente ad avere ripetuti rapporti con i presenti”.

I giovani vastesi subito dopo tornarono a Vasto. A denunciarli è stata la ragazza. O.T. avrebbe rivelato tutto ad una persona amica e quest’ultima si è rivolta alla magistratura fornendo agli investigatori elementi di prova che hanno convinto la Procura a chiedere il rinvio a giudizio degli accusati. Purtroppo processi come quello che il 5 febbraio sarà celebrato a Pescara sono sempre più numerosi in tutta Italia.

Complice la droga i cui effetti sono aumentati dall’alcol, molti degli accusati non si rendono neppure conto di quello che fanno e quando riacquistano razionalità è ormai troppo tardi. Altre volte, gli abusi sono l’epilogo di raduni ludici, altre volte ancora trappole tessute con l’aiuto del web. Sono sempre più numerose le aggressioni a sfondo sessuale del ” branco”.

In che modo i vastesi che saranno giudicati martedi, conobbero la bella adolescente straniera, sarà spiegato durante l’udienza che, vista la delicatezza della vicenda, si terrà a porte chiuse. Le forze dell’ordine continuano a lanciare messaggi a tutte le donne invitandole ad evitare ogni situazione di potenziale rischio. Sempre più spesso purtroppo le lusinghe si trasformano in incubi.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.