Banner Top
Banner Top

Potalivo, fatale un trauma toracico

E’ stato un grave trauma toraco-addominale a provocare la morte di Lina Potalivo, 78 anni, la pensionata che artedi sera mentre stava rientrando a casa, è stata investita da due vetture. A stabilirlo è stata l’autopsia eseguita dal medico legale Pietro Falco (l’equipe tecnica formata con i colleghi Francesco Parente e Marco Piattelli) e il perito di parte Eliana Moccia.

Resta da chiarire quale delle due vetture abbia provocato il trauma letale. Per questo il sostituto procuratore Michele Pecoraro visionerà con i periti le immagini delle telecamere che hanno ripreso la drammatica scena . L’incidente è avvenuto alle ore 18.20 in viale Dalmazia di fronte alla trattoria Toscana.

Lina Potalivo stava tornando a casa. La pensionata, che stava attraversando la strada, è stata investita da una Fiat Stilo condotta da C. A. Dopo l’urto la donna è stata sbalzata sulla corsia opposta e un Volkswagen Maggiolino che arrivava in quel momento condotto da B.A non è riuscito ad evitare il secondo impatto. Entrambi i conducenti sono indagati e le vetture sono state sequestrate dalla polizia locale. I I veicoli sono già stati sottoposti ad accurati accertamenti. Gli automobilisti sono stati sottoposti anche alla prova etilometrica per rilevare l’eventuale stato di ebrezza o l’utilizzo di sostanze stupefacenti. La polizia locale ha registrato le dichiarazioni di entrambi. Ieri sera dopo la perizia il corpo di Lina Potalivo è stato riconsegnato alla famiglia. Le esequie funebri saranno celebrate oggi nella chiesa di Stella Maris.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.