Banner Top
Banner Top

Cade nel negozio, la titolare finisce a giudizio

Una cliente si ferisce nel riporre il carrello della spesa, la responsabile del market finisce in giudizio. L’accusa nei suoi confronti è lesioni personali colpose. La giurisprudenza è chiara: chi è responsabile di una attività deve eliminare i pericoli. L’incidente avvenne il 27 ottobre 2017. A.M.C. una cliente di un supermercato cittadino, cadde riportando lesioni guaribili in 30 giorni. Il pubblico ministero Rosalia Torraco ha chiesto il rinvio a giudizio della responsabile del punto vendite dopo aver valutato anche le perizie eseguite dal ctu Stefano Moretti.

La responsabile del market è accusata di non aver adottato tutte le misure di sicurezza necessarie a tutelare i clienti che, nel piazzale antistante l’esercizio commerciale, riponevano i carrelli della spesa , dopo il loro utilizzo, nel binario di estrazione . La barra di contenimento dei carrelli pare infatti fosse instabile. A.M.C. dopo aver fatto la spesa riportò il carrello al suo posto e lo inserì nei binari. All’ improvviso la barra metallica di contenimento , si piegò creando un varco. Proprio in quello spazio rimase impigliato il piede della cliente. La donna perse l’equilibrio e cadde a terra senza riuscire ad aggrapparsi. Il tonfo fu molto forte e anche le contusioni. La donna venne trasportata in ospedale. I medici diagnosticarono una prognosi di 30 giorni per lesioni personali. La documentazione medica è stata allegata alla denuncia presentata dalla donna.

La cliente, assistita dall’avvocato Luca Damiano chiede di essere risarcita.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.