Banner Top
Banner Top

Coniugi morti nel fiume, chiesto il processo

Tragedia nel Parco della Maiella: il Tribunale di Pescara ha accolto le richieste della Procura. Per la morte di Giuseppe Pirocchi e Silvia D’Ercole, i coniugi di Scerni caduti nel fiume Orta il 1 maggio 2017, il prossimo 24 gennaio dovranno comparire davanti al giudice per le indagini preliminari Nicola Colantonio, il sindaco di Caramanico, Simone Angelucci e il direttore del Parco Nazionale della Maiella, Oremo Di Nino.

L’accusa nei loro confronti è omicidio colposo. Il procuratore Massimiliano Serpi e il sostituto procuratore Valentina D’Agostino hanno escluso l’imprudenza delle vittime, ed hanno puntato il dito sulle omesse segnalazioni del pericolo. I due imputati saranno assistiti dagli avvocati Alessandro Margiotta e Stefano Di Nino del foro di Sulmona e Giacomo Nicolucci del foro di Lanciano. I familiari delle vittime si costituiranno parte civile. A rappresentarli saranno gli avvocati Giuliano Milia, Arnaldo e Francesco Tascione.

Giuseppe Pirocchi e Angela D’Ercole, persero la vita scivolando nelle gole del fiume Orta a Caramanico Terme. Gli investigatori sulla scorta delle risultanze investigative e delle perizie, hanno escluso lo scenario della tragica fatalità o dell’imprudenza da parte delle vittime. “I due imputati”, recita la richiesta di comparizione “per colpa, negligenza, imperizia, imprudenza e violazione delle indicazioni contenute nel Piano di fruizione del Parco nazionale della Maiella, non impedirono la morte di Giuseppe Pirocchi e Angela D’Ercole. I due durante una escursione caddero nelle acque del fiume Orta e morirono per annegamento”.

In particolare sarebbe stata omessa l’adozione di misure idonee a garantire la sicurezza dei sentieri e della zona denominata “Maritte dei giganti” o anche “Rapide di Santa Lucia”. Il camminamento attraversato dalla coppia scivolata nel fiume era privo di cartelli di segnalazione e l’area non era transennata. Gli avvocati delle vittime hanno raccolto un corposo dossier fotografico che a loro dire proverebbe come la tragedia sarebbe stata evitabile se fossero state prese le dovute precauzioni inibendo l’accesso dei visitatori nell’area a rischio e segnalando il pericolo.

Angela D’Ercole e Giuseppe Pirocchi annegarono sotto lo sguardo sconvolto dei loro due figlioletti di 8 e 5 anni. Angela lavorava come infermiera all’ospedale di Teramo. Giuseppe invece faceva l’operaio alla Sevel di Atessa. Avevano entrambi 32 anni. Il luogo dove è accaduta la disgrazia è uno dei posti più suggestivi del parco della Majella. Quel giorno Angela e Giuseppe erano in gita con i figli e altri familiari. Angela cadde per prima nel fiume e il marito, nel tentativo disperato di salvarla, finì anche lui inghiottito dalle rapide.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.