Banner Top
Banner Top

Effetto stranieri, bene Carunchio e Palmoli

Il Vastese continua a spopolarsi. I dati dell’Istat, mostrano una situazione decisamente allarmante. Sulla costa si salvano Vasto e San Salvo mentre nell’entroterra, nonostante l’aumento della popolazione straniera, i residenti continuano a diminuire. Nell’entroterra cresce il comune di Carunchio, che passa da 601 a 628 grazie agli stranieri. A Palmoli il flusso è ondeggiante: 980 residenti nel 2012, 913 un anno fa e ora 934. In questo caso a far salire la popolazione sono da un lato gli stranieri, dall’altro l’acquisizione della residenza di cittadini inglesi e tedeschi che hanno acquistato un immobile nel piccolo comune e vi risiedono per 6-7 mesi l’anno. Saldo negativo anche a Fresagrandinaria . Il paese che nel 1911 contava 1961 abitanti ora ne ha solo 956. Il picco di residenti venne raggiunto nel 1951: 2388 residenti. Da allora il numero ha continuato a scendere. Tutti i comuni dell’entroterra si spopolano. Con 176 residenti( un anno fa 198) San Giovanni Lipioni è il paese con meno abitanti del Vastese.

Il fenomeno riguarda tutta la provincia di Chieti, che ha perso in un anno circa 1.800 residenti. Cinque i comuni con una popolazione al di sotto dei 500 abitanti : Fraine 326, Dogliola 358, Castelguidone 367, Tufillo 404. Guilmi 420. ” Più che i flussi migratori”, spiega il sindaco di Palmoli, Giuseppe Masciulli ” a influire negativamente è la riduzione dei matrimoni e delle nascite. Ci si sposa meno e le coppie fanno quasi tutte un solo figlio”. Le ultime elezioni amministrative hanno confermato lo spopolamento e contestualmente l’innalzamento dell’età media della popolazione. Sono soprattutto i giovani ad andare via. Molti hanno la laurea in tasca e vanno via alla ricerca di un futuro. Spesso all’estero: tanti quelli che scelgono l’Inghilterra.

Negli ultimi 5 anni il Vastese ha perso fabbriche, l’ospedale di Gissi è stato ridimensionato e così pure moltissime attività artigianali o centri specializzati. L’ultimo in ordine di tempo che ha chiuso è stato il Cotir. La viabilità disastrata accresce i disagi e chi per molto tempo ha fatto il pendolare ora preferisce trasferirsi. Un’altra pesante conseguenza della fuga dei giovani è che spesso portano via anche gli anziani per offrire loro un’adeguata assistenza sanitaria. È un fenomeno che se non analizzato per tempo e curato a dovere, porterà alla morte del Vastese.

Paola Calvano (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.