Banner Top
Banner Top

Partono i processi sulle infiltrazioni a Vasto

Il 2019 si apre per Vasto con processi importantissimi. Più di 150 gli indagati per due delle operazioni più clamorose e che rivelarono pericolose infiltrazioni nel territorio : “Isola Felice” e “Adriatico”.

ISOLA FELICE. È stata fissata a metà gennaio 2019 l’udienza per le richieste istruttorie del processo ai 106 indagati dell’operazione “Isola felice”. La vicenda è sicuramente fra e più inquietanti del Vastese. Fra i protagonisti c’è Eugenio Ferrazzo, 41 anni, ritenuto dagli investigatori un ex boss calabrese. L’uomo l’estate scorsa sembrava intenzionato a rispondere alle domande dei magistrati. In realtà la scorsa udienza mentre deponeva, un improvviso malore gli fece perdere i sensi. Sulla vicenda sono accesi anche i riflettori del Parlamento. Il processo si occupa di pericolose infiltrazioni nel Vastese. Molti dei 106 imputati risiedono nel Vastese. Il processo si celebra a Pescara perché teatro di diversi reati riferiti al biennio 2010-2012. Secondo la Dia (Direzione investigativa antimafia) la ndrangheta avrebbe in passato cercato più volte di mettere radici a San Salvo. Le misure cautelari furono all’epoca 25. Sei le regioni in cui, a detta della Dia, operavano gli accusati. Le accuse sono raccolte in un dossier di 600 pagine. Vasto e San Salvo, secondo gli investigatori, sarebbero state le basi degli indagati e i personaggi locali avrebbero avuto un ruolo di spicco nel clan gestito da Eugenio Ferrazzo. L’uomo, arrivato in Abruzzo a ottobre 2006, dopo un periodo di detenzione all’estero per traffico internazionale di cocaina, si trasferì a San Salvo, sfuggendo alla mattanza ordita dallo zio, Mario Donato Ferrazzo, capo indiscusso della ’ndrina di Mesoraca (Crotone) reclutando manovalanza a Montesilvano e San Salvo.

ADRIATICO. Il 15 gennaio è in programma la sentenza dei giudici del tribunale dell’Aquila per Lorenzo Cozzolino e gli accusati dell’operazione “Adriatico” che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato. L’udienza negli ultimi mesi è slittata per tre volte. Sulla vicenda è puntata l’attenzione del Vastese. L’inchiesta venne diretta dalla Dda. «L’Abruzzo non è affatto un’isola felice», ribadì al termine delle indagini il pm David Mancini. Il cardine attorno al quale ruota la vicenda è il collaboratore di giustizia Lorenzo Cozzolino. Le sue dichiarazioni hanno permesso di ricostruire l’ inquietante puzzle dello spaccio di droga nel Vastese, ma rivelato anche estorsioni, sparatorie e altri reati gravissimi.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.