Banner Top
Banner Top

“Giusto ascoltare i cittadini per salvaguardare il Civeta”

 “Il documento votato all’unanimità dal consiglio comunale? Un passo significativo per il futuro del Consorzio Civeta”. Camillo D’Amico, capogruppo consiliare della lista civica “Il Cambiamento”, commenta così l’approvazione dell’ordine del giorno che subordina il parere definitivo sulla quarta vasca da 480mila metri cubi, proposta da un operatore privato a ridosso del polo impiantistico del Civeta, ad una serie di consultazioni con le associazioni cittadine e con le organizzazioni sindacali dei lavoratori dell’ente consortile.

L’argomento è approdato in consiglio comunale grazie ad un ordine del giorno presentato (e poi ritirato) da D’Amico da sempre contrario alla realizzazione della quarta discarica.

Gli impegni solenni assunti dal sindaco Manuele Marcovecchio ed il documento da lui presentato per conto della sua maggioranza, dove al centro è posta l’attenzione e l’ascolto di tutte le istanze, le sensibilità cittadine e del territorio prima dell’assunzione di una precisa posizione politica ed istituzionale hanno fatto sì che io ritirassi il mio ordine del giorno e votassi quello poi unanimemente deliberato dall’assise consiliare”, spiega D’Amico, “fermo restando la personale e convinta contrarietà all’ipotesi in itinere, per ragioni che ho puntualmente elencato nel documento posto all’attenzione del consiglio comunale e riassunto nell’intervento, non lesinerò alcuna energia per tenere alta l’attenzione sull’argomento. Mi adopererò con l’intero gruppo di amici e sostenitori affinchè il consorzio intercomunale Civeta mantenga la sua natura d’impianto di compostaggio e di riciclaggio dei rifiuti che, alla luce dei contenuti del piano regionale vigente, dovrà trovare un deciso rilancio. Vigileremo con maggiore attenzione affinchè gli impegni solenni assunti dal primo cittadino e dalla sua maggioranza vengano seriamente e puntualmente mantenuti, così come alzeremo l’asticella della nostra attenzione verso le tante e ripetute sponsorizzazioni varie che ci sono state sinora e sulle quali permangono forti dubbi e perplessità”.

Nel rivendicare con forza le ripetute iniziative pubbliche prese a favore del consorzio Civeta, ma anche contro la quarta vasca proposta da Cupello Ambiente, D’Amico ricorda che certe tematiche sono diventate di pubblico dominio “solo grazie al nostro positivo attivismo e non certo per la volontà della maggioranza che oggi amministra Cupello”.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.