Banner Top
Banner Top

“Siamo cleptomani e non sappiamo frenarci”

Le immagini della videosorveglianza hanno raccontato il loro comportamento, ma dietro al furto messo a segno qualche giorno fa nel punto vendita Acqua e sapone di Vasto da M.M. e dalla figlia S.D.F c’è un motivo imprevisto . “Le due donne ” spiega il difensore , l’avvocato Marco Fanghella “soffrono di gravi disturbi. Problemi caratterizzati da difficoltà nell’ autocontrollo delle emozioni e dei comportamenti, per i quali risultano in cura già da diversi anni presso diverse strutture sanitarie”.

L’avvocato Fanghella domani depositerà presso gli uffici della Procura della Repubblica del Tribunale di Vasto una memoria corredata di tutta la certificazione medica attestante la malattia di cui le indagate risultano essere affette. Secondo il legale appare indispensabile valutare l’incidenza della malattia rispetto alla condotta tenuta dalle due denunciate ai fini dell’imputabilità , dal momento che la giurisprudenza ha più volte ribadito che il cleptomane deve essere considerato incapace di intendere e di volere se ha commesso un fatto collegato con la sua malattia.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.