Banner Top
Banner Top

Finti matrimoni nel Vastese, 19 imputati in aula

Fake marriage: riprende questa mattina davanti ai giudici del Tribunale di Vasto il processo a 19 imputati accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina attraverso finti matrimoni e permanenza illegale di stranieri sul territorio nazionale. La vicenda scoppiò a febbraio 2016 e insieme a 5 arresti la procura denunciò anche 23 persone. Matrimoni all’apparenza regolari venivano celebrati a Santo Domingo con tutti i crismi dell’ufficialità.

Le spose una volta arrivate in Italia, lasciavano però i mariti ai quali veniva pagato il viaggio. I matrimoni servivano a far ottenere alle donne caraibiche la cittadinanza italiana. Secondo l’accusa, c’erano due donne, madre e figlia di Santo Domingo, che avrebbero reclutato le finte spose. Amici italiani sarebbero stati il punto di riferimento sul territorio. L’operazione fu condotta dai carabinieri di Vasto e delle stazioni di Roccaspinalveti e San Buono.

Ai militari non sfuggirono particolari e comportamenti discutibili. Le indagini coordinate dal sostituto procuratore Gabriella De Lucia confermarono i sospetti. Lo scopo dell’organizzazione, secondo la procura, era far ottenere permessi di soggiorno. I matrimoni non sarebbero mai stati consumati.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.