Banner Top
Banner Top

La Pilkington ora ferma le linee per otto giorni

Autunno di pause e cambiamenti alla Nsg Pilkington, il colosso vetrario di Piana Sant’Angelo. Al termine di una riunione con i rappresentanti sindacali, l’azienda ha annunciato un lungo ponte fra fine ottobre e inizio novembre. Il decreto salvaposti alla Pilkington non arriva. In compenso a settembre le immatricolazioni di nuove autovetture sono diminuite del 23,4%. Gli ordinativi rallentano. Soprattutto quelli della Ford. L’azienda decide di fermare per qualche giorno quasi tutti i reparti per riallineare le linee e ricontrollare i magazzini in attesa di notizie da Roma.

La fermata è stata comunicata anche ai dipendenti dell’azienda satellite Primo. Di conseguenza anche i lavoratori della Bravo, che si occupano delle seconde lavorazioni di Pilkington e Bravo, si fermeranno qualche giorno. Novità anche sugli esuberi: da 95 scendono a 85 grazie al pensionamento e all’uscita volontaria dalla fabbrica di 10 dipendenti. Ci sono poi cinquanta dipendenti che aspettano di conoscere se con i cosiddetti “pensionamenti a quota 100” possono andare in pensione senza nulla perdere.

LUNGA SOSTA. Gli esperti parlano di un fenomeno fisiologico. Dopo un picco di immatricolazioni ad agosto, il mercato automobilistico fa una brusca frenata. Alla Pilkington scendono soprattutto gli ordinativi della Ford. Il colosso vetrario rallenta la sua produzione e quella delle fabbriche satellite. ”

L’azienda“, conferma il segretario provinciale della Cgil, Emilio Di Colaha deciso di fermare quasi tutti i reparti in concomitanza con le festività di inizio novembre. La pausa servirà al riallineamento delle linee produttive”. I 230 lavoratori della Primo ( che produce parabrezza) vanno tutti in cassa integrazione dal 24 ottobre al 5 novembre. Pilkington dovrebbe fermarsi dal 29 ottobre al 5 novembre. La data esatta della fermata e ulteriori particolari sulla insolita e lunga sosta saranno confermati in settimana.

CASSA INTEGRAZIONE . Il tanto atteso decreto che ufficializza la cassa integrazione straordinaria per un anno non arriva. La sua pubblicazione era prevista a settembre. Il presidente del consiglio comunale, Mauro Del Piano, dieci giorni fa ha inviato al ministro del Lavoro e al sottosegretario di Stato alla Presidenza del consiglio dei ministri, il deputato Giancarlo Giorgetti, la richiesta di un incontro urgente per la crisi occupazionale dello stabilimento Nsg Pilkington di San Salvo. «Finora», ha lamentato Del Piano, «non è arrivata nessuna risposta alla richiesta di incontro per trovare soluzioni adeguate ai paventati esuberi». La dirigenza Pilkington è concentrata sulla fabbrica di Piana Sant’Angelo. L’azienda ha fatto importanti investimenti e trasferito a San Salvo alcune lavorazioni che erano in Polonia.”Purtroppo”, conferma Emilio Di Cola “fino a ieri non è arrivato nulla. Dovrebbe trattarsi di un problema burocratico ma saremmo tutti più sereni se arrivasse il decreto”.

PENSIONAMENTI. Nelle ultime settimane dieci lavoratori sono andati in pensione facendo quindi scendere il numero di esuberi. Un altro aiuto potrebbe arrivare dalle nuove norme sul pensionamento. Sono 50 i lavoratori di 62 anni che avendo lavorato 38 anni potrebbero andare in pensione. In questo modo si ridurrebbero ancora gli esuberi. Di Cola conferma .”I lavoratori”, aggiunge tuttavia il segretario provinciale della Cgil “vorrebbero saperne di più. Vorrebbero conoscere vantaggi e svantaggi, meccanismi e procedure prima di prendere una decisione”. Insomma alla Pilkington è tempo di valutazioni e cambiamenti in attesa di un 2019 che si spera foriero di novità e nuove produzioni.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.