Banner Top
Banner Top

Piano di gestione Area Sic, “Tassello importante”

Oggi conferenza stampa insieme al Sottosegretario Mario Mazzocca sull’approvazione, avvenuta nei giorni scorsi in Consiglio regionale, del Piano di gestione dell’Area Sic di Vasto Marina. Erano presenti  gli assessori: Giuseppe Forte, Luigi Marcello, Gabriele Barisano, Lina Marchesani, Anna Bosco, i consiglieri: Luciano Lapenna, Marco Marra, Marino Artese, rappresentanti delle associazioni ambientaliste, i gestori delle Riserve di Punta Aderci e Marina di Vasto e diversi operatori turistici .

E’ il primo Piano di gestione dei 58 Siti d’importanza comunitaria’ (Sic) a vedere la definitiva approvazione – ha dichiarato il sottosegretario regionale delegato ad Ambiente ed ecologia, Mario Mazzoccauna buona pratica che fungerà anche da apripista per gli altri Piani di gestione dei Sic abruzzesi, molti dei quali pronti per la definitiva approvazione. Il nostro auspicio è che ciò avvenga in tempi brevi, così da coniugare correttamente il rapporto uomo-natura e disporre di uno strumento adeguato non solo alla gestione intelligente della vincolistica, ma anche – continua il Sottosegretario – a programmare ed attuare interventi sostenibili grazie alle già disponibili provvidenze economiche europee. È un risultato a cui hanno contribuito in molti, in particolar modo l’amministrazione della Città del Vasto che ha sempre spinto verso questa direzione, mentre da parte nostra c’è stata una continua attività di approfondimento e sensibilizzazione nei confronti degli uffici regionali al fine di definire dapprima le questioni procedimentali, per un periodo arenatesi in commissione, e successivamente le questioni di merito – conclude MazzoccaVasto è una città che presenta peculiarità naturalistiche da tutelate e valorizzate sviluppando forme di turismo attivo sostenibile”.

E’ stata una lunga procedura – ha detto il sindaco di Vasto, Francesco Mennache ha trovato ascolto. Nonostante alcuni tentativi maldestri, questo Piano è stato licenziato. Ringrazio tra gli altri il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Pietro Smargiassi che ha sposato in pieno il Piano. Un altro tassello importante contro la cementificazione selvaggia della costa”.

Questo è un risultato importante dal punto di vista ambientale – ha concluso l’assessore alle Politiche Ambientali, Paola Cianciperché rispondiamo finalmente a quanto previsto dalla normativa comunitaria in materia di Sic dotandoci di un Piano di gestione che tiene conto delle esigenze di fruibilità da parte dei turisti e delle attività ricettive che convivono con l’area. E’ anche un grande risultato politico che vede vincente la filiera corta con la Regione Abruzzo”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

2 Comments

  1. Stefano Taglioli

    Faccio presente, per opportuna precisione, che il Piano di Gestione del Sic Marina di Vasto è stato finanziato in proprio dalla precedente amministrazione comunale e terminato durante la stessa precedente amministrazione. Tale considerazione è temporalmente importante in quanto nessun ruolo ha avuto nella redazione del Piano l’attuale gestione della riserva che oggi mi pareva presente in prima linea. Di certo non ha mai avuto nessun ruolo,fino ad oggi, Legambiente e il suo presidente regionale. Il Piano di Gestione è stato anche e soprattutto il frutto di anni di volontariato ambientale che ha permesso la creazione della Riserva, difendendola fino ad oggii. Oggi queste persone non erano presenti. Giusto per la precisione. Stefano Taglioli

    Reply
  2. Stefano Taglioli

    Ancora per la precisione specifico che al meritorio finanziamento della precedente amministrazione comunale è seguito quello regionale in un iter procedurale che non ho ben capito, ma questo è un problema di mia incapacità di comprendere nonostante le spiegazioni chieste. Giusto ancora per precisione. Stefano Taglioli

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.