Banner Top
Banner Top
Banner Top

‘Ndrangheta in Abruzzo, arrestato dai carabinieri il boss Cuppari

Si nascondeva in un’anonima abitazione in provincia di Bergamo, ma è stato arrestato dopo una lunga latitanza. Scacco alla ‘Ndrangheta da parte dei carabinieri del comando provinciale di Chieti: in manette è finito Simone Cuppari, capo dell’omonima ‘ndrina reggina proveniente da Brancaleone, elemento di spicco di un’associazione per delinquere di stampo mafioso dedita prevalentemente al traffico di sostanze stupefacenti e riciclaggio, con base a Francavilla al Mare e ramificazioni in tutta Italia.

Cuppari era già sfuggito alla cattura a febbraio 2017 nel corso dell’operazione, denominata Design, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia dell’Aquila e condotta dall’Arma teatina.

Il boss, su cui pende una condanna di primo grado a 28 anni di reclusione per traffico di cocaina emessa dal Tribunale di Chieti lo scorso mese di luglio a conclusione dell’operazione Shot 2009, era riuscito a sfuggire alla cattura anche nell’ambito delle operazioni “Sparta” e “Banco nuovo” condotte dai carabinieri di Pescara e di Locri. Ulteriori dettagli verranno svelati stamattina in conferenza stampa. (Gianluca Lettieri Il Mattino)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.