Banner Top
Banner Top
Banner Top

“La delibera sull’antifascismo è una vergogna nazionale”

 

Anche a Vasto l’Amministrazione comunale, a guida Pd, ha deciso di adeguare i regolamenti comunali, subordinando la concessione di suolo pubblico, spazi e sale di proprietà del Comune, a dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti sanciti dall’ordinamento repubblicano e di non concedere spazi pubblici a coloro i quali non garantiscono di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti.

A fronte di una notizia così stupida, che fare? Che cosa può pensare chi è antifascista e anticomunista, ma non imbecille, di una delibera che tenta di riesumare un passato che è passato, finito, archiviato e di esaltare un antifascismo ridicolo e di maniera in assenza del fascismo? Perché continuare a speculare sui morti, di qua e di là? Perché riportarli al centro del ring per provocare la zuffa tra amministratori che dovrebbero risolvere gli urgenti problemi della gggente, sì, della gggente che il 4 marzo ha risposto con una sonora pernacchia a chi tentava di speculare per raccattare, o per non far fuggire, qualche voto nostalgico?

Oh partigiano, verrebbe da cantare, portali via! Portali via questi amministratori inutili che inseguono mostri e streghe senza mai trovarli perché è dentro di loro che si annidano, dentro le loro false coscienze, i loro falsi moralismi un tanto al chilo. Perché non riusciamo a fare le persone serie in questo bistrattato Paese? Perché continuiamo ad abbaiare alla luna, guelfi contro ghibellini, rossi contro neri, mentre la guerra è finita da tempo ma la stupidità resiste a ogni tempo? L’antifascismo senza fascismo è una vergogna nazionale, un insulto all’intelligenza di coloro che il fascismo l’hanno combattuto davvero, quando esisteva.

Il caso vuole che chi scrive, in quel di Vasto, sia vice Presidente del Consiglio comunale. Ho partecipato al dibattito sul punto all’Odg, ho sferrato un duro attacco contro la stupidità umana, ho ribadito di non essere né neofascista, né neonazista, né neocretino e ho abbandonato l’Aula per protesta al momento del voto insieme ai miei  colleghi di minoranza dei movimenti civici e di centrodestra.

Il caso vuole che chi scrive, in quel di Vasto, sia anche Presidente del Festival di Cultura, Filosofia e Politica. Mi rifiuterò, ovviamente, di firmare stupide dichiarazioni e continuerò a svolgere gli eventi in una sala della Società operaia di mutuo soccorso pagando 55 euro di tasca mia. Non chiederò occupazione di suolo pubblico e non chiederò sale comunali. Anzi, farò di più. Rinuncerò anche al Patrocinio comunale perché un’Amministrazione che impone di firmare una dichiarazione di antifascismo non merita di patrocinare alcunché, meno che mai un Festival dove Cultura, Filosofia e Politica impongono molteplicità di vedute e di espressioni e dove la stupidità non è consentita. Non deve essere consentita.

Ho deciso di pubblicare questa nota, a mo’ di articolo, anche sul blog del quotidiano Il Foglio. È bene che una vergogna nazionale abbia un risalto nazionale.

 

Davide D’Alessandro

Vice Presidente del Consiglio Comunale

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.