Banner Top
Banner Top

Vasto, pista del pizzo per gli spari al ristorante

Cinque colpi di pistola in sequenza. Il rumore della porta vetro andata in frantumi ma neanche uno squillo ai carabinieri o alla polizia. Telefoni muti. Difficile credere che neppure un residente abbia sentito gli spari contro la vetrata del ristorante Sunrise alle 2,30 di notte.

Ma Vasto ormai ha paura. C’è sempre più omertà in città e la malavita diventa padrona. Hanno crivellato di colpi, l’ingresso di un locale ma il titolare è stato avvisato il mattino dopo.

Le forze dell’ordine non riescono a nascondere la preoccupazione per quello che accade. I carabinieri che indagano sulla sparatoria non escludono nessuna pista ma ritengono il dispetto politico il movente meno credibile. Il figlio dei titolari è un simpatizzante del M5S ma se chi ha sparato nutriva rancore contro il M5S avrebbe puntato più in alto.

Il maggiore Amedeo Consales non parla ma il lungo colloquio avuto con le vittime racconta la ricerca di un movente diverso. Qualcuno ha voluto spaventare i titolari del Sunrise.

Sta prendendo consistenza l’ipotesi del pizzo. Del resto per Vasto non sarebbe la prima volta. I processi Histonium 1 e Histonium 2 hanno raccontato anni di incendi dolosi, rapine , agguati e sparatorie . Ed è ancora in corso a Pescara il processo a 105 imputati finiti nei guai con l’operazione “Isola felice” che ha individuato cellule della ‘ndrangheta nel territorio.

Vasto si è rialzata più volte ma ora tutto è più difficile.

L’invito della Dda è stato ignorato e così pure il monito dell’ex procuratore anti mafia, Franco Roberti. Vasto è nuda e senza un’adeguata protezione. Per mancanza di forze dell’ordine ignora chi risiede o si nasconde negli alveari vuoti della riviera. Il centrodestra torna ad invocare un colpo di reni da parte dell’amministrazione comunale.

Il consigliere regionale Pietro Smargiassi chiede la convocazione urgente dell’Osservatorio per la legalità. “Quanto accaduto al Sunrise“, scrive Smargiassi , “lascia sgomenti ed increduli e getta nello sconforto un’intera città . L’escalation di fenomeni criminosi conferma, purtroppo, che il M5S aveva visto giusto due anni fa quando, depositó la proposta di legge istitutiva dell’osservatorio della legalità. Adesso però” prosegue il consigliere pentastellato “ è arrivato il momento di mettersi al lavoro. Atti intimidatori, rapine in banca a mano armata, e raid nei centri commerciali , stanno segnando profondamente il Vastese. È arrivato quindi il momento di sedersi attorno ad un tavolo . Per questo” prosegue il consigliere “mi confronterò con il Presidente dell’Osservatorio, Lucrezio Paolini, affinché convochi al più presto la prima riunione, a cui auspico possa partecipare anche il Prefetto di Chieti che è chiamato a rivestire un ruolo chiave e di indirizzo nella battaglia per diffondere la legalità e dal quale Vasto si aspetta un contributo decisivo nella lotta al crimine,al fianco di tutte le forze dell’ordine “.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.