Banner Top
Banner Top

AdriaMORE, il progetto per gestire il rischio idrogeologico

Una più ottimale gestione del rischio idrogeologico in modo da mitigare e tenere sotto controllo gli impatti dei danni causati dall’innalzamento del livello delle acque, dalle inondazioni e mareggiate.

Risponde a questo obiettivo il progetto AdriaMORE (Adriatic DSS Exploitation for MOnitoring and Risk management of coastal Extreme weather and flooding) al via domani 9 aprile e che vede capofila la Regione Abruzzo con il Servizio della Cooperazione territoriale – Ipa Adriatic, in collaborazione con il Cetemps dell’Aquila in qualità di ente scientifico di attuazione e importanti partner quali la Regione di Dubrovnik e Neretva (Hr), il Servizio meteorologico e idrogeologico croato (Hr) e l’istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (It).

In questi ultimi anni i rischi idrometeorologici e di altro tipo provocati da eventi meteorologici che colpiscono le aree adriatiche rappresentano una grave minaccia che va affrontata migliorando i sistemi di monitoraggio e previsione. A tale riguardo, il progetto AdriaMore si inserisce capitalizzando i principali risultati dei progetti AdriaRadNet e CapRadNet che hanno sviluppato un sistema integrato per l’osservazione di possibili scenari ad alto rischio idrometeorologico a fini di protezione civile. In tale ottica, l’approccio del progetto AdriaMore, il cui inizio è previsto nei giorni 9 e 10 aprile presso la sede del Consiglio regionale a Pescara, sarà volto a porre le basi per il raggiungimento di una serie di obiettivi specifici tra i quali: fornire nuovi sistemi di osservazione e prevenzione e adeguare le informazioni di telerilevamento fornite da radar e satelliti per il monitoraggio costiero dei rischi ambientali; implementare un complesso sistema di modelli numerici accoppiati in grado di prevedere le principali variabili idrometeorologiche e marine, nonché i processi di trasporto e le possibili fughe in mare; eseguire due azioni pilota attorno agli estuari dei fiumi Pescara e Neretva per testare il sistema integrato consolidato.

La conferenza di apertura di domani 9 aprile (sede del Consiglio regionale a Pescara), che sarà presieduta dalla coordinatrice del progetto Paola Di Salvatore, vedrà la presenza del Sottosegretario Mario Mazzocca, del direttore del Cetemps Frank Marzano e del responsabile del programma Italia-Croazia, Diana Petrovic.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.