Banner Top
Banner Top

Meno parcheggi con il cantiere della Via Verde

Rappresentano una vera e propria boccata d’ossigeno per la riviera, soprattutto in estate, ma con l’avvento della pista ciclo-pedonale della Via Verde sono destinati ad un drastico ridimensionamento. Sono i parcheggi presenti lungo l’ex tracciato ferroviario: 700 posti auto da anni a disposizione di cittadini e turisti sulla cui sorte, in verità, nessuno sembra avere le idee molte chiare.

L’interrogativo è attualissimo se si considera che proprio in questi giorni è stato allestito il cantiere sul piazzale della ex stazione ferroviaria dove hanno fatto la loro comparsa la recinzione arancione e i box metallici. Quanti parcheggi resteranno fruibili dopo la realizzazione della pista ciclopedonale che, essendo larga 4,30 metri, occuperà buona parte dell’ex tracciato? La questione è al centro oggi di una riunione indetta dalla Provincia con i sindaci dei comuni interessati, tra cui Vasto che annovera una percentuale di tutto rispetto di sedime ferroviario.

L’obiettivo è cercare di reperire altre aree disponibili, tra quelle oggetto di esproprio, da utilizzare per la sosta delle auto”, spiega un tecnico della Provincia, dove si è alla ricerca di una soluzione ad un problema molto sentito in estate.

Per quanto riguarda Vasto e tenuto conto dei tempi per la realizzazione della infrastruttura, è probabile che i parcheggi possano ancora essere utilizzati durante la prossima estate.

Il cartello posto all’ingresso della vecchia stazione di piazza Fiume annuncia che la Via Verde sarà realtà dal 31 dicembre 2018, ma il presidente della Provincia, Mario Pupillo il 16 dicembre scorso, durante la cerimonia di inaugurazione di uno dei cinque cantieri aperti, ha parlato di 600 giorni per la riconsegna dell’opera: una pista lunga 43 chilometri da Francavilla al mare a San Salvo, per un importo di circa otto milioni di euro.

Non Si escludono collaudi parziali per utilizzare da subito l’infrastruttura. Restano gli interrogativi sui parcheggi, ma anche sul destino della vecchia stazione ferroviaria, da anni in completo abbandono, vandalizzata e teatro di bivacchi notturni. La sua acquisizione e un suo futuro riutilizzo con una destinazione compatibile con la Via Verde (vedi Bike House), potrebbe veramente segnare una svolta per il turismo della Costa dei Trabocchi. Al momento, però, sono tanti i problemi da risolvere, tra cui quello dei parcheggi.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.