Banner Top
Banner Top

Gissi, ladri entrano in casa davanti gli operai

Spregiudicati oppure incoscienti . Due ladri acrobati mercoledi mattina sono entrati nell’appartamento di un anziano arrampicandosi da un balcone nonostante ci fossero alcuni operai del Comune impegnati nel rifacimento della pavimentazione di una piazzetta nel centro storico del paese, in vico II Crocetti.

L’episodio si è verificato poco dopo le 11. I due si sono arrampicati al poggiolo con la scusa di dover riaprire la porta di casa del pensionato che era rimasto chiuso dentro. In realtà il pensionato non aveva bisogno di alcun aiuto. I due una volta entrati nell’appartamento hanno cominciato a rovistare ovunque alla ricerca di soldi , oro e oggetti di valore.

” Stando ad un primo controllo dei carabinieri”, dice il sindaco di Gissi, Agostino Chieffo .” sembra che nonostante l’audacia , gli aspiranti ladri non siano riusciti a portare via nulla. Sta di fatto che il loro comportamento lascia interdetti”, dice il primo cittadino.

” Certo è che i due hanno le ore contate . La zona in cui hanno agito”, spiega Chieffo ” è piena di telecamere . Senza contare che sono stati anche fotografati “.

A scattare la foto sono stati gli operai . Il comportamento dei due sconosciuti era quanto meno sospetto. Quando il pensionato ha chiesto aiuto ai carabinieri, gli operai hanno subito fornito agli investigatori le foto. E le immagini sono decisamente eloquenti. Sebbene coperti dai cappellini di lana e con il volto coperto dalle braccia , i due audaci truffatori dovrebbero essere facilmente identificati. L’accaduto ha destato clamore in tutto il paese e nei comuni vicini. La fantasia dei truffatori non ha più limiti. Davanti alla diffidenza delle vittime che ormai aprono sempre meno le porte di casa , c’è anche chi prova a rubare scalando i balconi in pieno giorno e davanti a decine di persone.

” I carabinieri stanno indagando”, dice il sindaco Chieffo ” e nei prossimi giorni ci saranno sicuramente degli sviluppi. Le telecamere saranno di grande aiuto”. Dove non ci sono impianti di videosorveglianza è bene che anche i cittadini collaborino nella realizzazione di una rete antifurto. Le forze dell’ordine rinnovano l’invito.

Chiamate immediatamente il 112 o il 113 se vi accorgete della presenza di persone sconosciute a casa di vicini o se notate comportamenti sospetti come quello dei due ladri acrobati di Gissi. Evitate di far sapere quando uscite da casa o se restate fuori casa per diversi giorni. I due furbacchioni di Gissi probabilmente per giorni hanno studiato il comportamento dell’anziano. I movimenti e gli spostamenti dell’uomo , piuttosto abitudinario , sono stati annotati. E pazienza se la casa del nonno era in pieno centro cittadino. I due hanno pensato che la presenza di un cantiere avrebbe potuto aiutarli. Non è andata affatto così. La speranza del paese è che i ladri vengano identificati presto.

” Sarebbe il più bel regalo di Pasqua”, ha commentato un’anziana.

Paola Calvano (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.