Banner Top
Banner Top

Tagliano le piante sulle dune, albergatori multati

Non hanno rispettato l’ordinanza sindacale che disciplina il taglio della vegetazione erbosa, vietando interventi che comportano danni all’ambiente dunale e l’alterazione dello stato dei luoghi. Sono le violazioni accertate a carico di due operatori turistici le cui attività costeggiano la pista ciclabile di Vasto Marina, a ridosso di una riserva naturale e di un sito di interesse comunitario (Sic).

Nonostante i verbali di accertata violazione amministrativa, i titolari delle due attività turistiche non hanno pagato la sanzione comminata dal nucleo di polizia amministrativa, dell’importo di 180 euro, costringendo il dirigente della polizia municipale, Stefano Monteferrante ad emettere una ordinanza-ingiunzione con l’avvertenza che, in caso di mancato pagamento entro il termine di 30 giorni (decorrenti dalla data di notifica), si procederà alla riscossione coattiva della somma.

A entrambi gli operatori viene contestata l’omessa comunicazione dell’intervento che, in un caso, è stato superiore ai limiti stabiliti dall’ordinanza sindacale (una larghezza massima di due metri lato mare).

I provvedimenti fanno riferimento ad alcuni sopralluoghi effettuati dai vigili urbani nel giugno del 2015 per verificare il rispetto della ordinanza del Comune che vieta interventi sulla fascia dunale e sulla tipica vegetazione, ad eccezione di quelli preventivamente autorizzati e che non comportano manomissioni ambientali perseguibili penalmente. Gli agenti perlustrarono un tratto lungo quattro chilometri dove insistono alberghi, campeggi, residence e altre strutture ricettive, per verificare se gli operatori turistici si fossero attenuti alle disposizioni legislative ed in particolare all’ordinanza sindacale che vieta interventi manomissivi sulla tipica vegetazione protetta da leggi nazionali e comunitarie. I controlli accertarono violazioni circoscritte alla mancata comunicazione preventiva che l’ordinanza sindacale rende obbligatoria e, solo in un caso, il taglio della vegetazione superiore ai limiti consentiti.

Il provvedimento, emanato sulla scorta delle pesanti manomissioni che si sono verificate negli anni passati ai danni dell’ambiente dunale, costringendo le associazioni ambientaliste a denunciare alla Procura gli autori dello scempio, disciplina il taglio a raso della vegetazione erbosa ai margini della pista ciclabile di Vasto Marina e prevede sanzioni amministrative pecuniarie che vanno da un minimo di 100 ad un massimo di 500 euro per chi non rispetta l’ordinanza.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.